Rilanciare l’università. Abravanel: “Puntare su pochi atenei di eccellenza”

Ranking è importante per attrarre i migliori ricercatori e studenti negli atenei

Per competere nell’economia della conoscenza, che è fatta di idee, innovazione e scienza, l’Italia deve ripensare profondamente il suo sistema universitario e di ricerca, puntando “su 3 o 4, al massimo 5 università di eccellenza”, sostiene Roger Abravanel sul Corriere della Sera. “A noi italiani questa idea non piace, ma solo l’eccellenza crea ricchezza”, spiega. “Le università di eccellenza fanno ricerca e insegnamento, le altre preparano al lavoro, ma a molti docenti non piace. Vuol dire saper insegnare skills per la vita”. Perché “la meritocrazia di massa è finita” e la pandemia ha accelerato questa tendenza.

“Stanford ha creato 40 mila aziende e 3 trilioni di valore. Negli ultimi 25 anni è esploso il rapporto tra università di eccellenza e grandi corporation. La pandemia ha accelerato una tendenza già in atto”, dice Abravanel. In Italia? Il politecnico di Milano, guidato da Ferruccio Resta, padrone di casa del dibattito in streaming, è la migliore università in Italia, eppure resta molto indietro nel mondo. E il ranking è importante per attrarre i migliori ricercatori e studenti. “Dietro il successo di Nexi, azienda leader dei pagamenti digitali, cresciuta nell’economia della conoscenza? Scala, tecnologia e competenze”, sostiene Paolo Bertoluzzo, che in 4 anni ha “assunto 500 persone con competenze nuove”. L’alunna Elena Bottinelli, cita il caso del San Raffaele, ospedale privato che dirige insieme al Galeazzi: “Ha avuto la grande capacità di creare un ecosistema favorevole per accelerare la crescita, puntando su ricercatori di altissimo livello e clinici di eccellenza, inseriti in un ambiente universitario propizio. Il risultato in un anno difficile come questo sono due startup sulla terapia genica”. Alberto Sangiovanni Vincitelli, docente a Berkeley dal ‘75, ha co-fondato due aziende che “sul Nasdaq capitalizzano 80 miliardi contro i 43 miliardi di Fca e Psa insieme”, dice. “Per creare eccellenza serve ricerca insieme a insegnamento. Nelle top university non si bada a spese per avere i migliori”.

E’ una delle ragioni per cui, secondo Abravanel, le università eccellenti rinunciano al finanziamento pubblico, preferendo l’autogestione. Perfino la pubblica Berkeley riceve solo il 14% dei fondi dallo Stato “In Italia siamo molto indietro. In parte è colpa dei mancati investimenti privati, ma le nostre università hanno responsabilità pesantissime”, ribadisce. Addossando “molta colpa” ai professori, che “rifiutano le valutazioni o non vogliono i corsi in inglese, 200 anche al Politecnico”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miela Music Contest: concorso online per band musicali

Next Article

Ministero Affari Esteri: concorso per 400 diplomati

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".