Miela Music Contest: concorso online per band musicali

Siete una band musicale? Miela Music Contest concorso online dedicato a brani e canzoni originali rivolto a band del Friuli Venezia Giulia.

Siete una band musicale? Ecco il concorso che fa per voi: il Miela Music Contest. Si tratta di un concorso online dedicato a brani e canzoni originali rivolto a band del Friuli Venezia Giulia. I primi tre gruppi potranno esibirsi dal vivo sul palco del Teatro Miela di Trieste quando i teatri saranno riaperti senza limitazioni di pubblico. La prima band classificata vincerà inoltre un buono acquisto di accessori musicali.

Ci si può iscrivere fino al 10 Marzo 2021.

MIELA MUSIC CONTEST PER BAND MUSICALI

Il Teatro Miela di Trieste, gestito dalla società cooperativa Bonawentura, ha indetto il Miela Music Contest, un concorso online per composizioni originali. L’obiettivo è offrire alle band del Friuli Venezia Giulia la possibilità di diffondere e fare conoscere la loro musica e le loro canzoni e sbloccare, così, l’immobilità cui è costretto tutto il mondo dello spettacolo in questo particolare momento storico.
Il contest vuole quindi dare a gruppi musicali friulani di diversa provenienza artistica, musicale e culturale l’occasione di partecipare, in totale sicurezza, ad un evento speciale.

DESTINATARI

Il concorso è rivolto a band musicali di massimo 6 componenti con un’età media non superiore ai 35 anni residenti in Friuli Venezia Giulia. I musicisti dovranno essere liberi da contratti discografici e/o editoriali.

La partecipazione al contest è gratuita, ma c’è l’obbligo di presentare un tampone (anche rapido) effettuato entro le 48 ore precedenti all’esibizione che attesti la negatività al Covid-19.

CARATTERISTICHE DELLE OPERE

Non sussistono limiti di genere musicale o nazionalità e i brani da presentare dovranno essere originali, sia strumentali che canzoni, editi o inediti (sono escluse le cover version).
Le esibizioni finali dovranno avere una durata massima di 30 minuti e non dovranno presentare messaggi pubblicitari a favore di persone o servizi. Inoltre nei brani non sono ammessi elementi di violazione ai diritti di terzi o incitamenti al razzismo, alla discriminazione e alla violenza.

SELEZIONE

Il comitato artistico di Bonawentura sc. selezionerà la Giuria, coordinata dal giornalista e critico musicale Carlo Muscatello, che assieme ai colleghi Elisa Russo Furio Baldassi valuterà le band per qualità tecniche, preparazione dei musicisti, personalità, qualità del progetto musicale, idea innovativa e creatività.

A una preselezione di 10 band seguirà una convocazione delle stesse per partecipare alla giornata loro dedicata. Al termine delle esibizioni verrà proclamato il gruppo vincitore.

I concorrenti avranno a disposizione il palcoscenico del Teatro Miela compreso di service audio/luci, fonica e riprese audio/video, mentre il backline verrà messo a disposizione da Musicali Rossoni.

PREMI

I primi 3 gruppi classificati vinceranno l’opportunità di esibirsi dal vivo sul palco del Teatro Miela in una serata loro dedicata, quando i teatri saranno riaperti senza limitazioni di pubblico.
La band che arriverà prima riceverà anche un buono acquisto di accessori musicali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ministero Affari Esteri: concorso per 400 diplomati

Next Article

Rilanciare l'università. Abravanel: "Puntare su pochi atenei di eccellenza"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.