Mike Bongiorno, fine delle trasmissioni

mikelaureato.pngCi piace ricordarlo così, come quel 13 dicembre 2007, giorno in cui l’Università Iulm di Milano gli conferì la laurea honoris causa in “Televisione, Cinema e Produzione Multimediale”: sorridente, spensierato e felice. Mike Bongiorno, 11 Festival di Sanremo e 21 Telegatti, icona del piccolo schermo, re del quiz ci ha lasciato oggi, a 85 anni per un infarto. La sua lunghissima carriera televisiva era cominciata fin dal primo giorno di trasmissioni della Rai, nel lontano 1954. Con «Lascia o raddoppia?» divenne l’idolo di milioni di persone e fu protagonista di uno dei maggiori fenomeni di costume dell’Italia del boom economico.
Dopo un altro incredibile successo, «Campanile sera», tocco l’apice della carriera con «Rischiatutto». Messo da parte dalla Rai, tornò in auge come monarca assoluto del quiz grazie al lancio delle tv commerciali di Silvio Berlusconi dove restò per più di trent’anni. Lasciata “burrascosamente” Mediaset nello scorso inverno, era passato a Sky, pronto a rinnovare i fasti del quiz per l’emittente satellitare (ribattezzando il suo programma storico “Riskytutto”).
L’inossidabile Mike, oltre ad essere stato uno dei personaggi più imitati dai comici nazionali, era considerato il re della televisione, ma anche delle gaffe: notissime sono alcune sue battute («Ahi, ahi signora Longari…»), così bizzarre che l’hanno reso tanto popolare quanto il suo motto «Allegria!». Entrato fin da subito nella storia della tv, il re dei presentatori è stato immortalato in uno dei più noti saggi di semiologia: Umberto Eco nel 1961 tracciò un profilo indimenticabile del conduttore nella sua celebre “Fenomenologia di Mike Bongiorno”.
Unanime il cordoglio da parte di tutti i protagonisti del mondo dello spettacolo che con Mike hanno condiviso avventure umane e professionali. Dal presidente della SIAE Giorgio Assumma giunge, insieme al saluto, anche un gesto concreto per i giovani che vorranno seguire le sue orme: «La cultura dello spettacolo italiano perde con Mike Bongiorno un grande ed insostituibile Maestro di creatività, professionalità ed umanità. Un esempio per chi intende intraprendere il difficile, ma esaltante cammino della interpretazione artistica. Il vuoto che la sua scomparsa apre nel mondo degli autori e degli esecutori è incolmabile. La SIAE conferirà alla sua memoria tre borse di studio per aiutare la formazione dei giovani aspiranti autori dello spettacolo televisivo».

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ocse, la solitudine degli insegnanti

Next Article

Inchiesta-Odontoiatria, nuovi risvolti: "30mila euro per passare il test"

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".