Mestieri artigianali: 20 tirocini retribuiti per diventare panettieri e salumieri

mestieri artigianali

Mestieri artigianali – Il progetto Bottega del Mestiere “I sapori del Parco”, promosso dalla Provincia dell’Aquila per dare ai ragazzi una formazione professionale nel settore alimentare. Stage di 6 mesi a 500 euro: per fare domanda bisogna avere meno di 29 anni ed essere disoccupati

 

L’Aquila – Venti tirocini retribuiti per giovani disoccupati che vogliano diventare panettieri e salumieri.

L’iniziativa è promossa nel progetto Bottega del Mestiere “I sapori del Parco”, in coordinamento con Confesercenti Provincia dell’Aquila, e rientra all’interno del programma AMVA – Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale, nell’ambito delle attività del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Le borse sono rivolte a ragazzi tra i 18 e i 29 anni, residenti nel territorio dell’Aquilano e di Marsica, che avranno l’opportunità per sei mesi di svolgere un tirocinio retribuito, a 500 euro mensili, in una delle aziende del settore alimentare partner del progetto.

Obiettivo del programma è quello di promuovere il Made in Italy, incentivare la nascita di nuove imprese e soprattutto garantire ai ragazzi una formazione sul campo che permetta loro di inserirsi rapidamente e con profitto nel mondo del lavoro artigianale.

Oltre al limite di età e di residenza costituiscono requisiti per l’accesso al bando: l’essere cittadino di uno stato dell’Unione Europea o di un paese extracomunitario con regolare permesso di soggiorno; l’aver assolto l’obbligo scolastico (aver frequentato una scuola fino a 16 anni); trovarsi nello stato di disoccupazione o inoccupazione.

Per fare domanda bisogna registrarsi al sito di Italia lavoro, l’ente che gestisce il progetto, entro il 16 settembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Noam Chomsky nuovo giudice di X Factor": l'ennesima bufala del Web

Next Article

ULTIM'ORA: Università di Parma, test annullati

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.