Messaggi choc su Facebook: ridono di fronte alla tragedia dell’Irpinia

messaggi choc su Facebook

 

 

 

 

 

 

 

“Precipita un pullma vicino Avellino. 40 morti, tra cui nessun italiano”. Eccolo il post della vergogna. E non è solo: “Ehi, bella gita in autobus? Uno schianto”. Benvenuti nel mondo dei social, dove non ci si ferma nemmeno di fronte alla tragedia e alla morte. Sono apparsi domenica sera, subito dopo l’incidente sul viadotto di Monteforte Irpino, e sono continuati addirittura fino ad oggi, durante i funerali delle vitttime, gli insulti ai morti ospitati dalla pagina “Averange Italian Guy”.

Messaggi assurdi e choccanti, che hanno scatenato l’indignazione lungo il web. La pagina, è stata immediatamente segnalata da moltissimi utenti, direttamente tramite le applicazioni messe a disposizione dal social. Ma l’indignazione non si ferma. Fanno letteralmente paura i messaggi choc588, ingiustificabili, mi piace, guadagnati dal post, così come le tantissime successive condivisioni.

La pagina Facebook, secondo quanto segnalato, è riconducible a personaggi del Nord Italia, ma su questo non ci sono ancora conferme. Dopo la chiusura, però, i solti idioti si sono rifatti vivi. “Average Italian Guy è tornato, scrivono”. E hanno messo su anche una nuova pagina: “Average Italian Guy è stata bannata dai napoletani moralisti del Ciriaco”.

Dura, durissima la reazione degli utenti sul social: “Siete delle merde” – scrivono. O ancora: “Stai rovinato se vuoi trascorrere le giornate così”. La Polizia Postale, comunque, è già stata avvisata. Resta forte, fortissimo, il rammarico e lo sconforto di fronte a vicende simili. Mai come questa volta sembra di aver toccato il fondo.

Raffaele Nappi

*Immagine da cronacaflegrea.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studiare all'estero. E' on line il bando intercultura

Next Article

Horizon 2020, Carrozza nomina i 14 rappresentanti italiani

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".