Mediaset, condanna definitiva per Berlusconi

berlusconi condannato

Condanna definitiva per Berlusconi Confermata la condanna d’appello a 4 anni di reclusione e rinvio alla Corte d’Appello di Milano per rideterminare . l’interdizione: lo ha deciso la Corte di Cassazione a conclusione del processo Mediaset.

Appena letta la sentenza un piccolo boato di esultanza si è levato dal gruppetto di sostenitori di Silvio Berlusconi che hanno appreso in diretta la sentenza della Corte di cassazione. Dietro le transenne di piazza del Gesù i manifestanti hanno gridato «Silvio-Silvio».

18 gennaio 2013. Comincia il processo d’appello, fissato secondo la difesa in tempi ‘record’. I giudici della seconda Corte d’Appello, presieduta da Alessandra Galli, fermano piu’ volte il procedimento. Anche per il secondo grado di giudizio, quindi, numerose pause dovute alla campagna elettorale, alle visite fiscali per l’uveite dell’ex premier e all’attesa per il ‘no’ della Cassazione al trasferimento del processo a Brescia.

La consulta respinge la richiesta presentata dalla difesa il 6 maggio. 8 maggio. I giudici della seconda Corte d’Appello di Milano confermano totalmente la pena inflitta in primo grado e condannano l’ex premier a 4 anni di reclusione per frode fiscale (tre condonati per l’indulto) per l’acquisizione dei diritti tv Mediaset e all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e a tre anni dal dirigere societa’ e contrattare con la Pubblica amministrazione. La condanna conferma lo schema delineato dai giudici in primo grado secondo cui Berlusconi era il “dominus indiscusso” di un “preciso progetto di evasione”. 30 luglio. Inizia il processo in Cassazione.

Il pg Antonello Mura sostiene che la gestione dei diritti tv faceva capo a Berlusconi che, non poteva non sapere. “Risulta coerente la conclusione della Corte d’Appello per cui solo coinvolgendo Berlusconi nella decisione si sarebbe potuto arrestare il sistema messo in atto”.

Punta all’annullamento radicale della sentenza la difesa del Cav. La sentenza della Corte d’Appello di Milano che ha condannato Berlusconi “muove da un pregiudizio” ed e’ caduta in “clamorosi travisamenti della prova”, sostiene l’avvocato Franco Coppi in aula. Da qui la richiesta di annullare la sentenza “perche’ il fatto non e’ previsto dalla legge come reato” o in subordine l’annullamento con rinvio della sentenza, qualificando la frode fiscale in concorso in fatturazioni inesistenti. Oggi la Cassazione ha confermato la condanna a Berlusconi, ma ha deciso che sull’interdizione dai pubblici uffici dovra’ essere la Corte d’appello di Milano a ripronunciarsi, rideterminandola al ribasso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fabbro, estetista e salumiere: tutti i negozi aperti per ferie

Next Article

Facebook, video pubblicitari da 2,5 mln di dollari

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).