Maturità, studente non ammesso perché ‘irregolare’ in Italia

Uno studente di origine ucraina non è stato ammesso all’esame di maturità perché il suo soggiorno di permesso non è in regola. E’ accaduto a Milano, all’istituto tecnico Natta di via Don Calabria a Milano. Nonostante il ragazzo abbia una pagella senza insufficienze, questo cavillo legale rischia di impedirgli di sedersi tra i banchi della sua scuola per l’atto finale del percorso scolastico.

Le parole del provveditore. “Non spetta alla scuola fare il poliziotto – ha commentato il responsabile dell’Ufficio scolastico di Milano Giuseppe Petralia, interpellato da la Repubblica – Quel ragazzo ha seguito un normale iter scolastico, ha frequentato regolarmente l’anno e ha voti superiori al sei. Non vedo il motivo perche’ lo si debba fermare”. Intanto il ministero dell’Istruzione ha gia’ contattato il provveditore di Milano per chiedere chiarimenti in merito alla vicenda di un ragazzo di origine ucraina dell’istituto tecnico Natta di via Don Calabria che non potra’ sedersi insieme con i compagni di classe sui banchi del primo scritto dell’esame di Stato perche’ “irregolare” con il permesso di soggiorno. Per il ministero “ci sono gli strumenti amministrativi per risolvere la questione”. Se “l’unico ostacolo e’ il permesso di soggiorno il ragazzo va ammesso”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità sana in corpore sano

Next Article

Profumo, scuola e lavoro dentro il ministero “della persona”

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".