Maturità sana in corpore sano

Giorni intensi di studio non devono far dimenticare l’esercizio fisico, fondamentale per ricarsi e non perdere la lucidità.

Appunti e libri alla mano per confrontarsi a “mare aperto” con un percorso di studi che sta per volgere al termine.
Mille dubbi affastellano menti e cuori dei maturandi, che si dibattano tra lo studio e la scelta post-diploma.

Fondamentale non farsi prendere dall’ansia e di affrontare l’esame di Stato controllando le paure “dell’ultima ora” e non sovrapporle al dilemma della scelta post-diploma.

Lo studio richiede impegno e continuità, ma non dimenticate che anche il corpo ha le sue esigenze e se non lo trattate bene potrebbe avere ripercussioni anche sulla vostra capacità di apprendimento

Dunque, prima di tutto, è bene ribadire un concetto chiave: la sedentarietà è fonte inesauribile di patologie, quali l’obesità e la scoliosi. Ore e ore, a capo chino sui libri, o di fronte ad un pc si scontrano contro ogni principio di benessere.

Al contrario di quanto si possa pensare, l’attività non stanca, anzi l’adrenalina che si produce con lo sport, attenua il senso di sonnolenza e riattiva la lucidità mentale, aumentando la concentrazione. Dunque, movimento per tutti.

Jogging, camminate a passo sostenuto, passeggiate in bicicletta, determinano un netto miglioramento psico- fisico che si riflette in modo naturale sul rendimento e la capacità di apprendimento.

Ore continuate di studio, procurano un abbassamento dei livelli ormonali, anche leggeri esercizi anaerobici contribuiscono a rialzarne di livello.

Sport e nutirizione sono alleati della vostra preparazione che vi consentiranno di affrontare la preparazione all’esame al massimo della vostra energie.

Per leggere i consigli degli esperti, cliccare qui

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Diventa un giovane professionista Onu

Next Article

Maturità, studente non ammesso perché 'irregolare' in Italia

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.