Diventa un giovane professionista Onu

Aperte le candidature per il programma Young Professionals Programme Recruitment Examination (YPP) dell’ONU per laureati e giovani professionisti.

L’’ONU, la più grande organizzazione internazionale, corredata di decine di agenzie specializzate che si occupano di alimentazione, salute, cultura, lavoro e ogni attività inerente al progresso e alla salvaguardia dell’uomo e dell’ambiente, come ogni anno, apre le porte al reclutamento di giovani funzionari per i primi livelli di carriera.

La carriera in questo tipo di organizzazione si basa su un sistema per gradi, articolato in progressione. Si distinguono quattro livelli principali: primo livello: General Staf; secondo livello:  Professional (è necessaria la laurea), terzo livello: funzionari di progetto (con contratti temporanei) e  quarto livello:i Directors (Posizioni di Alta Dirigenza, inaccessibili dall’esterno)

Attualmente si sono aperte le candidature per il programma Young Professionals Programme Recruitment Examination (YPP),  che consente di accedere ai gradi iniziali della carriera (P-1, P-2) delle diverse agenzie ONU (tra cui OCSE- ILO-WB) ed è rivolto sia a neo-laureati che a giovani professionisti, con conoscenza della lingua inglese e/o francese.

Il limite di età per prendervi parte è di 32 anni al 31 dicembre 2012 (data di nascita pari o successiva al 1 gennaio 1980).

CATEGORIE PROFESSIONALI OGGETTO DI SELEZIONE

• architettura

• economia

• tecnologia dell’informazione

• affari politici

• produttore radiofonico

• affari sociali

MODALITA’ DI SELEZIONE

Qualora più di 40 candidati si dovessero presentare per la stessa job family, si procederà a una seconda fase di pre-selezione ove i criteri applicati saranno: conoscenza di altre lingue ufficiali delle Nazioni Unite (oltre l’inglese o il francese), titoli di studio qualificanti nelle categorie previste, esperienza di lavoro nelle categorie suddette.

Coloro che avranno superato le pre-selezioni, saranno convocati all’esame scritto previsto il 5 dicembre 2012  in tutte le sedi di esame. I candidati italiani pre-selezionati che non dovessero trovarsi in Italia il 5 dicembre potranno sostenere la prova scritta in altra città nel mondo, a condizione che essa sia sede concorsualTra settembre e ottobre si svolgeranno le fasi di pre-selezione sulla base dei criteri di età, titoli di studio (laurea di I livello), conoscenza dell’inglese o del francese.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

I candidati potranno presentare la domanda di partecipazione al concorso on-line sul portale careers.un.org, durante i 60 giorni compresi tra il 13 LUGLIO E IL 12 SETTEMBRE 2012.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unimib, "Donne, politica e istituzioni”

Next Article

Maturità sana in corpore sano

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.