Maturità 2009, a Mantova studente bocciato dopo il secondo scritto

quadri.jpgAi 29mila studenti non ammessi all’esame di maturità di quest’anno se ne aggiunge uno. Si chiama Stefano Spaggiari, studente del liceo classico Virgilio di Mantova, che è stato bocciato dopo aver sostenuto lo scritto di latino. Arrivato il secondo giorno dell’esame, a scuola si sono accorti che la media del ragazzo era inferiore alla sufficienza necessaria per essere ammessi alla prova finale.
In realtà la media dei voti di Stefano arriva a 5,7 e nonostante non arrivasse al 6 è stato ammesso all’esame. L’ansia della preparazione, poi il tema di italiano, fino al giorno del secondo scritto quando la commissione si è accorta dei 3 decimi mancanti e ha sospeso il ragazzo dall’esame.
La notizia è riportata dal quotidiano Libero di oggi e quello che ancora non è chiaro è come mai nessuno se ne sia accorto prima. A notarlo per prima è stata la presidente di Commissione, Carmelisa Saviola, che prima dell’inizio degli scritti aveva chiesto al ministero dell’Istruzione indicazioni sul da farsi. La risposta da viale Trastevere è arrivata però venerdì 26 a esame iniziato.
Naturalmente sono rimasti tutti, docenti e studenti, senza parole. Anche perché, come riferisce il protagonista di questo esame mutilato, i suoi prof conoscevano bene la media dei sui voti. Del caso comunque si occuperà l’Ufficio scolastico della Lombardia, con sede a Milano e a cui fa capo la scuola mantovana.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Unifi, riparte “Facoltà in Piazza”

Next Article

Torino, scuola estiva dedicata alla scienza

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"