Maturità, gli studenti aprono alle modifiche: “Da tempo attendiamo una revisione del sistema”

ESAMI DI MATURITA'
Pubblichiamo il commento inviato alla redazione de Il Corriere dell’Università da parte dell’Unione Degli Studenti, che interviene sul dibattito in corso in merito alla revisione dell’esame di maturità: “Chiediamo da tempo un intervento su questo punto specifico. Non si può valutare un ciclo di studio in pochi giorni” 
“Da anni noi studenti riteniamo necessaria una revisione dell’esame di maturità.” – dichiara Danilo Lampis, Coordinatore Nazionale Unione Degli Studenti – “Non si può valutare un ciclo di studi sulla base di una prestazione singola, che fa accumulare agli studenti ansia e stress inutilmente, ma è necessaria una valutazione più processuale.”
“La revisione secondo noi dovrebbe vedere ridotte le prove,” – continua l’Unione degli Studenti – “in particolare con una revisione della terza prova, presentata come uno stress-test in cui bisogna ordinare e sintetizzare un anno di nozioni in pochissimo tempo. La maturità dovrebbe essere un momento in cui non si valutano le conoscenze acquisite nel corso dell’anno, ma le competenze e le capacità che il percorso di studi ha saputo stimolare negli studenti: le competenze critiche, il saper fare, la capacità di costruire approfondimenti e percorsi personalizzati, di presentare elaborati, di imparare ad imparare in modo autonomo, di valorizzare le personali attitudini in modo originale. Per fare ciò si dovrebbe invertire la tendenza e dare meno centralità al nozionismo, peraltro già presente nelle valutazioni in itinere dell’anno scolastico, e maggiormente alla costruzione di un momento che sia summa della capacità di utilizzare le conoscenze per affrontare le situazioni.”
“Uno studente può considerarsi maturo” – conclude l’UdS – “solo se ha consapevolezza di sè, dei propri punti di debolezza e di forza, ed è in grado di valorizzarli in modo originale, di analizzare criticamente il mondo e la realtà, di trarre in modo autonomo informazioni da molteplici canali accademici e non e di riordinarle, di analizzare quanto appreso in modo critico, originale e personalizzato e svilupparlo in una proposta analitica o pratica.”
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cronaca del #primogiornodiscuola: il premier e i ministri tornano tra i banchi

Next Article

QS Ranking, l'Italia resta ancora indietro nella classifica delle migliori università: svetta Londra

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".