QS Ranking, l’Italia resta ancora indietro nella classifica delle migliori università: svetta Londra

Imperial-College-London

È Londra la capitale mondiale della formazione universitaria. La conferma arriva oggi dalla lettura del decimo Qs University Ranking, una delle più accreditate classifiche internazionali dell’alta formazione, redatto dall’istituto di ricerca privato Quacquarelli Simonds, che esamina più di 3mila università da tutto il mondo.

Tra le prime 100 classificate, ben 5 Atenei si trovano nella capitale britannica: “In nessun altra città si trova una tale massa critica delle migliori università a pochi chilometri l’una dall’altra, tutte in grado di offrire una formazione eccellente e produrre laureati che diventano leader nei loro settori” – ha commentato Boris Johnson, sindaco di Londra.

Svetta al primo posto della classifica, per il terzo anno consecutivo, il Mit, seguito da Cambridge. Sul terzo gradino del podio la vera rivelazione dell’anno, l’Imperial College di Londra. Harvard scende dal podio e passa dalla seconda alla quarta posizione

Tra le prime cento nessun posto per le italiane. La prima a comparire è l’Alma Mater di Bologna, 182esima, che guadagna 6 posizioni rispetto all’anno passato e si riconferma la prima in Italia. In particolare, quello che non va, per i laureati di casa nostra, è la reputazione tra recruiters e cacciatori di teste. Male anche la proporzione tra studenti e docenti: gli effetti di tagli e la recessione si evincono anche da questi risultati. Negli indicatori più legati all’internazionalizzazione – proporzione di studenti e docenti internazionali – l’Italia non é competitiva, in un sistema mondiale dominato dall’inglese, lingua franca della formazione e della ricerca. I miglioramenti sono invece nelle performance scientifiche e nella reputazione accademica.

La Sapienza di Roma si piazza al 202esimo posto, il Politecnico di Milano al 229esimo e la Statale si classifica al posto 238. Gli atenei italiani che migliorano il risultato dello scorso anno sono in tutto 17.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, gli studenti aprono alle modifiche: "Da tempo attendiamo una revisione del sistema"

Next Article

Ecco la Notte dei Ricercatori: eventi in tutta Italia

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.