Maturità 2009“Tracce più semplici e corte”

esame.bmpBasta con quei papiri di pagine e pagine. La Maturità 2009 cambia faccia, con tracce più semplici e corte. È la promessa del ministro Mariastella Gelmini che a poche ore dal suono della campanella più importante ha dichiarato: “Ho chiesto ai commissari che le tracce siano più semplici e più corte. Non credo che ci saranno maggiori difficoltà degli anni scorsi, basta aver studiato durante l’anno, mantenere la calma e governare lo stress”.

Incombe infatti sul ministero il terrore “traccia” fallata. Dopo la gaffe dello scorso anno nella prova di Italiano, precisamente nell’analisi del testo, con un errore di attribuzione nella poesia “Ripenso il tuo sorriso” di Eugenio Montale (la traccia parlava di una donna, mentre i versi erano rivolti ad un ballerino russo), quest’anno si fanno gli scongiuri. L’errore, dodici mesi fa, è costato caro a Katia Petruzzi, memoria storica della Maturità, presidente della struttura tecnica per gli esami di Stato ormai da qualche decennio: destituita nel giro di 24 ore dal ministro in persona.

Oggi peserà tutto sulle spalle di Luciano Favini, ex preside e valente umanista, che ha preso il posto della Petruzzi. A lui e ai suoi due collaboratori il compito di supervisionare i temi. Le tracce in realtà vengono preparate da numerosi esperti (oltre 50) e considerando la complessità è facile incorrere nell’errore. Inoltre, più sono numerose le persone che ci mettono mano e più è alto il rischio per la segretezza da rispettare.

Tra le prossime novità dell’esame c’è anche la terza prova. Costruita su misura per i propri studenti da ogni commissione, dal 2011 la novità dell’esame che ha esordito nel 1999, diventerà un test unico preparato dall’Istituto di valutazione del sistema scolastico. Si tratterà di un questionario uguale per tutti (come prima e seconda prova), con prove che vengono preparate all’esterno e corrette in base a griglie di valutazione fornite dall’Invalsi. La Maturità 2009, però, resta in balia delle sue imperfezioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Umberto I", indagato l'ex rettore Guarini

Next Article

"I have a dream" si studierà all'università

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".