Maturità 2009L'esame di Marco Morandi

marcomorandi.jpgMi ricordo perfettamente che nel momento critico dell’interrogazione mi chiesero “Chi erano Ettore e Andromaca?” e io: “Marito e moglie”. Inizia così la storia della rocambolesca maturità del cantante Marco Morandi, ultimamente impegnato in musical e commedie teatrali. “È stata una tattica buttare tutto un po’ sull’ironico, perché i membri della commissione erano tutti simpatici. Però dopo un primo momento di tensione, alla domanda successiva, su geografia astronomica, ho riposto bene, mi piacevano la luna e le stelle! Alla fine è andata proprio come me l’aspettavo, non ho avuto un voto bellissimo, ho preso 38 sessantesimi, una sufficienza rosicata”.
E come hai passato la fatidica notte prima degli esami?
Beh, l’ultima notte sono stato sveglio! Nel periodo precedente l’esame mi incontravo con gli amici, studiavamo tutti insieme, così la paura e l’ansia si avvertivano di meno. Poi man mano che la data fatidica si avvicinava ci si vedeva sempre meno per fare l’ultimissimo ripasso ognuno per conto proprio, nelle materie in cui era più debole.
Che scuola hai fatto e che ricordo hai di professori e amici?
Ho fatto il liceo scientifico. Vedo ancora molti amici e di professori ne ricordo un paio, quello di matematica e di storia e filosofia. Erano tosti: bravi e preparati e un po’ duri negli atteggiamenti, ma, tutto sommato, devo ammettere che se non ci fossero stati loro la classe si sarebbe rilassata troppo.
Che tipo di studente eri?
Un classico casinaro. Di quelli che trovano sempre scritto sul giudizio finale: ha le potenzialità ma non si applica. La mia fama di discolo era tale che, certe volte, mi sono state attribuite colpe non mie! Quando succedeva qualcosa a scuola, tutti pensavano: di sicuro c’è lo zampino di Morandi.
Hai qualche consiglio per i ragazzi che stanno per fare l’esame di stato?
State sereni, sembra una cosa grande, ma tutto sommato non lo è, è una fase di passaggio. È stressante, perché ci sono le aspettative dei genitori, c’è l’ansia di voler dimostrare qualcosa, ma alla fine l’esame di maturità non è poi così importante!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal mare di Ostia "100 Vele" per L'Aquila

Next Article

Tribunale e Tor Vergata, tirocini in convenzione

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.