Tribunale e Tor Vergata, tirocini in convenzione

tribunale.jpgIl Tribunale di Roma accoglierà periodicamente, presso le proprie strutture del settore civile – in qualità di tirocinanti – studenti del quinto anno laureandi in Giurisprudenza, laureati in Giurisprudenza e allievi dei Master e dei corsi di specializzazione post laurea per la realizzazione di progetti di formazione e orientamento professionale.
Questo in base ad una convenzione firmata dal Tribunale – di cui è presidente Paolo De Fiore – e l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, in persona del prorettore vicario Giuseppe Santoni. La convenzione è stata decisa nell’ambito di una «collaborazione finalizzata allo sviluppo di adeguate forme di interazione tra l’attività di formazione universitaria e di ricerca e il mondo del lavoro, con particolare riguardo alle professioni forensi, al fine di migliorare la qualità dei processi formativi e dei servizi cui sono finalizzati».
In una nota si sottolinea: «L’espresso interesse dell’Università Tor Vergata nell’ambito delle proprie finalità istituzionali è quello di arricchire l’esperienza formativa dei propri studenti, laureati e allievi dei corsi post laurea e di agevolare le loro scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro; espresso interesse del Tribunale è far sì che gli studenti, i laureati e gli allievi dei corsi post laurea acquisiscano una diretta conoscenza dei problemi connessi con le professioni forensi e con l’organizzazione del lavoro negli uffici giudiziari». Il presidente del Tribunale De Fiore ha definito la convenzione «un’importante esperienza di collaborazione tra magistratura, università e mondo del lavoro».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2009L'esame di Marco Morandi

Next Article

"L'okkupazione" costa parecchio all'Alma Mater

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.