Mattarella ai giovani: "Leggete, informatevi; il futuro non sarà dei social"

“Nel futuro non esisteranno solo immagini, espressioni in 100 caratteri o frasi incompiute: la lettura sarà insostituibile perché è l’unico strumento che consente di sviluppare una reale capacità critica e di confronto con gli altri”. Così, ieri, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha spronato studenti e docenti italiani a non abbandonare la lettura in favore esclusivo all’informazione via social network.
L’intervento del Presidente della Repubblica è avvenuto nella giornata dedicata al progetto “Quotidiano in classe” che da ormai 15 anni, grazie al contributo dell’Osservatorio permanente giovani-editori(Opge), porta in moltissime aule delle scuole italiane, un’ora dedicata alla lettura di almeno tre giornali: “Le nuove tecnologie aumentano le libertà e le opportunità – ha spiegato Mattarella – ma non credo che in futuro esisteranno solo immagini, espressioni in 100 caratteri o frasi incompiute: la lettura sarà insostituibile perché è l’unico strumento che consente di sviluppare una reale capacità critica e di confronto con gli altri. Per questo è importante anche il vostro progetto di alfabetizzazione economica e finanziaria”.
Sono circa 2 milioni gli studenti che quest’anno hanno partecipato al progetto “Quotidiano in classe” sotto la guida di circa 45.400 docenti.
“I nostri giovani avvertono con gli insegnanti la necessità di informarsi – ha continuato Mattarella – e padroneggiare gli strumenti che consentono conoscenza”.
Entusiasti anche alcuni dei ragazzi presenti al discorso del Presidente Mattarella, ieri, al Quirinale, e che hanno partecipato negli scorsi mesi al progetto “Quotidiano in classe”: “Abbiamo imparato a usare il giornale come strumento fondamentale che ci stimola a pensare – ha spiegato Letizia Travaglino, 17 anni, studentessa di Monza – e a maturare nostre opinioni personali”. Per Emanuele D’Eliseo, 17 anni, di Ravenna, invece, l’esperienza più interessante è stata quella di affacciarsi sul mondo del giornalismo in maniera diretta: “Quest’anno abbiamo avuto la possibilità di intervistare personaggi del mondo dell’editoria come James Murdoch da pari a pari – ha spiegato il ragazzo – e ci siamo sentiti anche noi giornalisti”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Poletti: "Prendere 110 e lode a 28 anni non serve a un fico, è meglio prendere 97 a 21"

Next Article

Napoli: corsi gratuiti di lingua inglese, francese e spagnola

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.