Master, Milano meglio di Roma

bocconi master

Master a Milano. Nella Capitale cala il numero di master universitari nell’anno accademico 2012-2013 (-2,3 per cento), mentre Milano registra un incremento del 29,2%. Lo rivela un’indagine di Universita.it sull’offerta di master universitari durante la crisi. Nel capoluogo lombardo si e’ passati da 120 master nel 2011-2012 a 155 mentre a Roma l’offerta e’ diminuita da 472 a 461 corsi. In linea generale, nelle 65 universita’ esaminate l’offerta dei master si e’ leggermente ridotta nel 2012-2013 in confronto all’anno accademico precedente, passando da 1.835 corsi a 1.809, con una diminuzione di 26 unita’ (-1,42 per cento).

I risultati dell’indagine mostrano che, in assoluto, l’universita’ che organizza il piu’ alto numero di master di I e II livello e’ ”La Sapienza” di Roma. Il principale ateneo della Capitale ha proposto per il 2012-2013 ben 245 corsi, mentre la Libera Universita’ di Bolzano, che ne ha organizzato solo uno, si piazza all’ultimo posto della graduatoria. Nonostante ”La Sapienza” sia l’ateneo con l’offerta di master piu’ ampia, e’ anche quello in cui l’effetto della crisi si e’ fatto sentire con piu’ forza.

Rispetto al 2011-2012 il calo e’ stato netto: si e’ passati da 276 corsi offerti a 245 (-11,2 per cento). Nella classifica degli atenei che hanno avuto una maggiore contrazione dell’offerta seguono l’Universita’ de L’Aquila (passata da 37 a 23 master universitari, pari al -37,8 per cento) e l’Alma Mater Studiorum di Bologna (da 86 a 72, -16,3 per cento).

In controtendenza rispetto alla media, il Politecnico di Milano e’ passato dai 37 master universitari del 2011-2012 ai 67 del 2012-2013 (+81 per cento). Master in aumento anche all’Universita’ di Padova, che nel 2012-2013 ne ha proposti 93 contro i 63 dell’anno precedente (+47,6%). Terza in questa classifica la Luiss, dove l’offerta di master universitari di I e II livello e’ cresciuta da 13 a 30 corsi (+130%). Dalla ricerca di Universita.it si scopre inoltre che in 7 atenei – Libera Universita’ di Bolzano, Politecnico di Bari, Universita’ del Piemonte Orientale, Universita’ di Chieti-Pescara, Universita’ di Torino, Universita’ di Trento e Universita’ per Stranieri di Siena – il numero dei master proposti non ha subito variazioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rapporti sessuali occasionali, chi li preferisce è più debole psicologicamente

Next Article

Napoli, addio al Prof Benedetto Gravagnuolo

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.