Master in Intelligence targato Unical

Per formare gli 007 di domani. Dopo il successo delle prime due edizioni, sono aperte le iscrizioni della terza edizione del Master in Intelligence promosso dall’Università della Calabria. Trattandosi di un Master di 2° livello, può partecipare esclusivamente chi ha conseguito, in qualunque disciplina, la laurea del vecchio ordinamento (4 anni) oppure quella magistrale (5 anni). Il corso è riservato ad un massimo di 35 iscritti e i termini di presentazione delle domande scadono il 15 settembre 2009. Per inoltrare la propria candidatura – esclusivamente online – è necessario andare sul sito www.segreterie.unical.it alla voce «Masters», oppure all’indirizzo www.masterintelligence.net, ricco di utili informazioni sulle prime due edizioni.
Ulteriori notizie sono reperibili sul sito www.caligiuri.it, di cui è titolare il direttore del Master Mario Caligiuri, professore all’Università della Calabria. Le lezioni inizieranno sabato 26 settembre 2009 e gli esami finali sono previsti nel mese di giugno 2010.
Il Master, che prevede complessivamente 1.500 ore, si articola in 19 giornate d’aula di 8 ore ciascuna che si svolgeranno di sabato, attività di laboratorio, stage presso strutture abilitate e un’integrazione delle lezioni frontali con l’educazione a distanza, attraverso un’innovativa piattaforma di e-learning. È prevista l’assegnazione di 60 crediti formativi.
Il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga è il presidente onorario del Comitato scientifico del Centro Studi sull’Intelligence , istituito – primo del genere in Italia – dal Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università della Calabria, diretto da Viviana Burza, confermando l’interesse dell’Ateneo calabrese verso questo settore strategico fondamentale per la democrazia.
Collegata al Centro Studi è una collana editoriale che sta già pubblicando i primi due volumi: «Intelligence e ‘Ndrangheta. Uno strumento fondamentale per contrastare uno dei fenomeni criminali più pericolosi del mondo» e «Intelligence e Scienze dell’Educazione».
La terza edizione verrà inaugurata dal convegno internazionale «Intelligence e Scienze Umane», patrocinato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, il cui vicepresidente, Roberto De Mattei, terrà la relazione centrale.
I docenti della prossima edizione, saranno professori universitari e i massimi esperti italiani, tra cui Antonio Baldassarre, Giorgio Galli, Pino Arlacchi, Alessandro Campi, Umberto Gori, Paolo Savona, Mario Morcellini, Francesco Sidoti, Giuseppe Spadafora, Carlo Pelando, Vittorio Stelo, Fabio Mini, Carlo Jean, Lucio Caracciolo, Pino Buongiorno, Umberto Rapetto, Adriana Piancastelli, Rosario Priore, Carlo Mosca, Marco Valentini, Stefano Orlando, Massimo Bontempi.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Influenza H1N1, Oms per donne incinte

Next Article

Superenalotto: è febbre da Jackpot

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.