Massacrò professore alla Sapienza: arrestato 21enne

E’ stato finalmente preso l’aggressore di Alberto Paris, medico e docente universitario della Sapienza, aggredito in casa e ridotto in fin di vita lo scorso 10 febbraio, in via Leopardi, nel quartiere Esquilino.
A distanza di sette mesi è stato individuato il colpevole. Si tratta di un 21enne, già noto alle forze di polizia per reati relativi ad armi, rapine e stupefacenti, scovato in un casolare nei pressi degli studios di Cinecittà.
L’indagine portata avanti dalle forze dell’ordine è stata lunga e articolata: la polizia era riuscita a scoprire che a seguito dell’aggressione, sono stati portati via dall’abitazione telefoni cellulari, un tablet e denaro contante, tutto appartenente alla vittima.
A dare una svolta alle indagini è stato il risveglio dal coma del professore abruzzese, che ha rivelato di essere entrato in contatto con il 21enne. Il ritrovamento è avvenuto ieri, in un casolare di Cinecittà. Ad arrestare il colpevole ci hanno pensato gli uomini del reparto Volanti durante un casuale controllo. Il 21enne dovrà rispondere di rapina e tentato omicidio.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Blitz alla Sapienza: le associazioni contro il numero chiuso

Next Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di venerdì 4 settembre

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"