Massacrò professore alla Sapienza: arrestato 21enne

E’ stato finalmente preso l’aggressore di Alberto Paris, medico e docente universitario della Sapienza, aggredito in casa e ridotto in fin di vita lo scorso 10 febbraio, in via Leopardi, nel quartiere Esquilino.
A distanza di sette mesi è stato individuato il colpevole. Si tratta di un 21enne, già noto alle forze di polizia per reati relativi ad armi, rapine e stupefacenti, scovato in un casolare nei pressi degli studios di Cinecittà.
L’indagine portata avanti dalle forze dell’ordine è stata lunga e articolata: la polizia era riuscita a scoprire che a seguito dell’aggressione, sono stati portati via dall’abitazione telefoni cellulari, un tablet e denaro contante, tutto appartenente alla vittima.
A dare una svolta alle indagini è stato il risveglio dal coma del professore abruzzese, che ha rivelato di essere entrato in contatto con il 21enne. Il ritrovamento è avvenuto ieri, in un casolare di Cinecittà. Ad arrestare il colpevole ci hanno pensato gli uomini del reparto Volanti durante un casuale controllo. Il 21enne dovrà rispondere di rapina e tentato omicidio.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Blitz alla Sapienza: le associazioni contro il numero chiuso

Next Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di venerdì 4 settembre

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".