Mamma 19enne smette di curare la leucemia per far nascere il figlio, muoiono entrambi

I medici l’hanno messa di fronte a una scelta difficile, e lei ha preferito salvare il figlio. Ma non ci è riuscita lo stesso
Si è conclusa nella maniera più tragica possibile la storia di Brianna Rawlings, 19enne australiana che ha interrotto le cure per la leucemia per proteggere il figlio che aveva in grembo. Alla fine sono morti entrambi. I dottori l’avevano messa di fronte a un dilemma: abortire o interrompere le cure per far nascere il bambino. E lei aveva scelto di salvare il piccolo, pur sapendo che questa decisione dimezzava le sue possibilità di sopravvivenza. Purtroppo le è andata male. La ragazza per via di alcune complicazioni è stata costretta a partorire con tre mesi d’anticipo, e il piccolo Kyden non è riuscito a sopravvivere. È morto dopo 12 giorni di vita per via di un’infezione allo stomaco. Brianna al Mirror ha affermato che avrebbe rifatto la stessa scelta: “Quei dodici giorni che ho potuto trascorrere con il mio bambino sono stati i giorni migliori della mia vita”. Poi, dopo un leggero miglioramento, anche le sue condizioni sono precipitate. E la 19enne è morta pochi giorni dopo aver compiuto i 19 anni di età. “Siamo distrutti – ha dichiarato la sorella – ma ora finalmente Brianna potrà unirsi al suo piccolo Kyden”.
(Unioneonline/L)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2019, la denuncia: "Il test di Fisica fatto col copia e incolla"

Next Article

Università Perugia: bandi per 532 Collaboratori, studenti e laureati

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".