"Ma quale riforma di centrodestra: finalmente si investe nella scuola"

“Capisco la propaganda del senatore Schifani. Ma quando definisce la riforma della scuola ‘di centrodestra’ prende un gigantesco abbaglio. Stiamo realizzando, almeno questo ci sia riconosciuto, la più grande iniezione di risorse e di investimenti in termini umani e finanziari nella scuola degli ultimi decenni. La prima vera inversione di tendenza dalle politiche, non me ne vorrà il collega Tremonti ma la cosa era scritta spudoratamente nero su bianco nelle finanziarie di quegli anni, che sull’onda del mainstream neoliberista hanno usato a lungo la scuola come un bancomat e le cosiddette riforme dell’epoca solo come strumento di tagli alla spesa pubblica”
E’ quanto afferma il senatore del Partito democratico Francesco Russo ribattendo alla dichiarazione del senatore Schifani che ha definito il ddl “Buona scuola “una grande riforma di centrodestra fatta governando con il centrosinistra”.

Total
0
Shares
2 comments
  1. Il senatore PD Francesco Russo ha ragione si investe nella scuola ma la privata,vero è che si immettono 100.000 insegnanti in ruolo ma in caso contrario l’Italia andrebbe a pagare una multa, se non ricordo male, di 5.000.000.,00€. Ma al l’immissione in ruolo dei 100.000 docenti a contratto triennale coincidere anche una precarietà entro il 2018 di tutto il corpo docente, poichè questi saranno a contratto al più triennali. senatore Francesco Russo ci vuole una buona dose di coraggio ad affermare quanto da lei fatto, anche perchè Ella dalle sue asserzione dimostra di non ha votato alla cieca senza aver letto il ddl 2994, lei ha votato per sentito dire credo che un simile comportamento in altre reAlta lavorative avrebbe decretato il suo licenziamento. Pre questo motivo in Vito a lei e agli altri suoi colleghi, a rassegnare le dimissioni da parlamentare.

Lascia un commento
Previous Article

Con la riforma Gelmini si sono dimezzati i ricercatori

Next Article

La Buona Scuola, è il giorno decisivo al Senato: la diretta

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.