Enel e Uninettuno lanciano “re-generation”, formazione per i dipendenti

Prende il via la seconda edizione di “Re-Generationil progetto formativo organizzato da Enel Italia e Università Telematica Internazionale Uninettuno per offrire opportunità di aggiornamento professionale e formazione accademica ai dipendenti dell’azienda energetica sui temi dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione. 

L’iniziativa è rivolta ai dipendenti Enel over 50 almeno in possesso del diploma di scuola secondaria superiore, i quali potranno studiare online sulla piattaforma di e-learning dell’Ateneo digitale, scegliendo il proprio programma da una selezione di 13 corsi raccolti in tre aree scientifiche di alto valore strategico: Digital Economy, Diritto nella Società Digitale, Information e Digital Technologies.

Enel sostiene i costi della tua formazione*

Iniziativa a supporto della formazione. I costi di iscrizione e partecipazione saranno sostenuti interamente dalla tua azienda. I costi di completamento del corso di studio e di ammissione all’esame verranno corrisposti al raggiungimento dei requisiti minimi di frequenza.

*Enel si occuperà di riconoscere il pagamento dell’iscrizione a tutti gli studenti che aderiranno all’iniziativa. Qualora gli studenti non avessero totalizzato i requisiti minimi di frequenza Enel non potrá riconoscere i costi per l’iscrizione agli esami. Lo studente potrá comunque completare il percorso a fronte del pagamento di un importo residuo per la ripresa degli studi in accordo con UNINETTUNO.

L’adesione e l’iscrizione ai percorsi formativi dovranno essere completate dalle persone interessate attraverso la pagina di immatricolazione e registrazione del portale UNINETTUNO (scarica le modalità di adesione).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Regole della quarantena come negli ospedali": la proposta dei genitori per scongiurare la Dad

Next Article

Scuole vietate alle ragazze in Afghanistan: sui social è protesta contro i Talebani

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.