Enel e Uninettuno lanciano “re-generation”, formazione per i dipendenti

Prende il via la seconda edizione di “Re-Generationil progetto formativo organizzato da Enel Italia e Università Telematica Internazionale Uninettuno per offrire opportunità di aggiornamento professionale e formazione accademica ai dipendenti dell’azienda energetica sui temi dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione. 

L’iniziativa è rivolta ai dipendenti Enel over 50 almeno in possesso del diploma di scuola secondaria superiore, i quali potranno studiare online sulla piattaforma di e-learning dell’Ateneo digitale, scegliendo il proprio programma da una selezione di 13 corsi raccolti in tre aree scientifiche di alto valore strategico: Digital Economy, Diritto nella Società Digitale, Information e Digital Technologies.

Enel sostiene i costi della tua formazione*

Iniziativa a supporto della formazione. I costi di iscrizione e partecipazione saranno sostenuti interamente dalla tua azienda. I costi di completamento del corso di studio e di ammissione all’esame verranno corrisposti al raggiungimento dei requisiti minimi di frequenza.

*Enel si occuperà di riconoscere il pagamento dell’iscrizione a tutti gli studenti che aderiranno all’iniziativa. Qualora gli studenti non avessero totalizzato i requisiti minimi di frequenza Enel non potrá riconoscere i costi per l’iscrizione agli esami. Lo studente potrá comunque completare il percorso a fronte del pagamento di un importo residuo per la ripresa degli studi in accordo con UNINETTUNO.

L’adesione e l’iscrizione ai percorsi formativi dovranno essere completate dalle persone interessate attraverso la pagina di immatricolazione e registrazione del portale UNINETTUNO (scarica le modalità di adesione).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Regole della quarantena come negli ospedali": la proposta dei genitori per scongiurare la Dad

Next Article

Scuole vietate alle ragazze in Afghanistan: sui social è protesta contro i Talebani

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.