L’Università Sant’Anna cerca informatici ed ingegneri per i progetti del PNRR

Pubblicati i bandi per la ricerca di personale di supporto allo sviluppo degli 11 progetti che l’ateneo pisano porterà avanti nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Previsti contratti di 24 mesi.

Nuove opportunità di lavoro alla Scuola Superiore Sant’Anna grazie a fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Sono stati pubblicati i bandi di quattro selezioni pubbliche per titoli ed esami, per assumere quattro unità di personale (due profili informatici e due meccatronici) con contratto a tempo determinato della durata di 24 mesi.  

Nell’ambito delle iniziative del PNRR, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ha ricevuto finanziamenti in 11 progetti, suddivisi in quattro linee di investimento: i ‘Partenariati estesi’ con Università, centri di ricerca e aziende su tematiche di interesse strategico a carattere fortemente interdisciplinare; i ‘Centri Nazionali’ dedicati alla ricerca di frontiera relativa ad ambiti tecnologici coerenti con le priorità dell’agenda della ricerca europea; gli ‘Ecosistemi dell’Innovazione’, reti diffuse di Università, enti pubblici di ricerca, istituzioni locali e soggetti pubblici e privati che intervengono su aree di specializzazione tecnologica coerenti con le vocazioni industriali e di ricerca del territorio di riferimento; le ‘Infrastrutture di ricerca e innovazione’.

Profilo informatico

Ambedue le selezioni sono aperte a laureate e laureati di qualsiasi livello (anche triennale) e settore. La selezione si concentra sulle conoscenze e competenze nell’uso del computer e dei programmi della suite Office365, per attività di data storage, in rete e in cloud, e per high-performance computing, oltre che per la gestione e manutenzione di strumentazione meccatronica e macchine intelligenti per applicazioni di robotica medica e robotica sottomarina, in un contesto caratterizzato da una rapida evoluzione dal punto di vista tecnologico.

Una figura professionale (categoria D) per le esigenze del progetto BRIEF: “Biorobotics Research and Innovation Engineering Facilities”, finanziato dall’Unione Europea – NextGeneration EU attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Termine presentazione domanda il 10 marzo 2023. Dettagli su https://bit.ly/3xZaear.

Un’unità di personale tecnologo (categoria D3), con almeno due anni, anche non continuativi, di qualificazione professionale attinente al profilo di conoscenze e competenze richieste dal bando, per le esigenze del progetto BRIEF: “Biorobotics Research and Innovation Engineering Facilities” finanziato dall’Unione Europea – NextGeneration EU attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Scadenza fissata il 7 marzo 2023. Maggiori informazioni disponibili su https://bit.ly/3Y9u4KD.

Profilo meccatronico

Sono aperte due selezioni riservate a coloro in possesso di una laurea in ingegneria e che richiedono conoscenze e competenze in ambito di progettazione e integrazione di moduli meccatronici: l’obiettivo è realizzare una facility di test per la cattura del movimento per la sperimentazione biomeccanica di ritrovati bio-robotici, come, per esempio, protesi bioniche ed esoscheletri di arto inferiore e superiore e dispositivi indossabili per l’assistenza ai lavoratori in compiti gravosi. Le figure richieste avranno l’opportunità di contribuire a una ricerca dal forte impatto sociale, con applicazioni pratiche concrete. Una figura professionale (categoria D) per le esigenze del progetto BRIEF: “Biorobotics Research and Innovation Engineering Facilities”, finanziato dall’Unione Europea – NextGeneration EU attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Termine presentazione domanda il 15 marzo 2023. Dettagli su https://bit.ly/3m4DHNh.

Una figura professionale (categoria EP), con particolare qualificazione professionale, almeno triennale, attinente alle competenze e conoscenze relative alle richieste del bando, per le esigenze del progetto BRIEF: “Biorobotics Research and Innovation Engineering Facilities” finanziato dall’Unione Europea – NextGeneration EU attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Scadenza fissata il 13 marzo 2023. Maggiori informazioni disponibili su https://bit.ly/3J3PKDO.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna, inaugurati due nuovi studentati da 85 posti letto con i fondi Pnrr

Next Article

Il lavoro in Italia è una roba per vecchi: in dieci anni gli occupati over 65 sono aumentati di quasi il 70%

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.