Londra: tirocini retribuiti con 1.600 euro al mese con l'Agenzia Europea del Farmaco

Ogni anno, l’EMA (Agenzia Europea per i Medicinali, avvia due sessioni di tirocini retribuiti rivolti a giovani laureati da impiegare nella sua sede londinese. Gli stage potranno durare dai 6 ai 12 mesi e sono retribuiti con 1.350 sterline nette al mese, pari a circa 1.600 euro.
L’opportunità si rivolge principalmente a giovani laureati in discipline affini l’attività dell’Ente europeo ovvero: Medicina, farmacia e Chimica; tuttavia le selezioni si rivolgono anche a laureati in discipline collaterali che risultano comunque determinanti per l’attività divulgativa e organizzativa dell’EMA come le Relazioni Pubbliche, la Comunicazione, le Risorse Umane, la Giurisprudenza. I laureati in tali discipline sono espressamente invitati a partecipare alle selezioni.
Requisiti ulteriori per partecipare al bando sono: la cittadinanza di uno dei Paesi dell’UE, l’ottima conoscenza della lingua inglese e di almeno un’altra lingua dell’Unione.
Le sessioni di tirocinio si aprono ogni anno il 1 Ottobre e il 1 Aprile. L’EMA ha aperto adesso le selezioni per la prossima sessione di Ottobre in cui selezionerà 48 risorse. La scadenza per questa sessione è fissata al 15 Giugno 2015.
Tutte le informazioni e l’Application form per partecipare al bando le trovate sul sito istituzionale dello European Medicines Agency.
 
LEGGI ANCHE: Fox cerca giovani appassionati di calcio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il caso delle benedizioni a scuola finisce sul New York Times

Next Article

Milano, i writers insegneranno al Liceo Artistico Caravaggio

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.