Il caso delle benedizioni a scuola finisce sul New York Times

Dalla frazione di Foligno alla prima pagina del New York Times il passo è breve, soprattutto se si parla della Santa Madre Chiesa. Il caso delle benedizioni a scuola, infatti, è finito in un articolo apparso in prima del principale quotidiano statunitense, ed uno dei più influenti al mondo.
Si parla delle benedizioni a scuola, ed in particolare del ricorso presentato al TAR da parte di 11 insegnanti e 7 genitori per chiedere la sospensioni delle benedizioni pasquali fatte dai parroci, e poi successivamente decise in orari extrascolastici.
Un Paese cattolico discute la preghiera pasquale”– è il titolo dell’articolo, in cui si afferma che se una benedizione nelle scuole diventa terreno di polemica in un Paese proprio come l’Italia, significa che “il cattolicesimo è da tempo in ritirata”. E ancora, secondo il NYT, il caso di Bologna “fa parte di un continuo dibattito in Italia sull’esatto posizionamento del confine tra Stato e Chiesa”.
Tutto è partito dalla celebrazione domenicale della santa messa, in cui frate Leonardo De Maola, parroco della chiesta di San Michele Arcangelo, ha annunciato ai fedeli la novità: “La preside della scuola elementare di Sterpete non ci ha autorizzato a effettuare la benedizione del plesso in orario scolastico”.
La risposta della dirigente scolastica non si è fatta attendere. “Ho rispettato la legge italiana – ha sottolineato Simona Lazzari, da un anno a capo dell’istituto comprensivo. C’è una precisa disposizione legislativa in materia di istruzione che vieta gli atti di culto all’interno dell’orario scolastico nelle classi e sezioni in cui sono presenti alunni che non si avvalgono dell’insegamento della religione cattolica”.
La vicenda è finita anche in consiglio comunale, con destra e sinistra ovviamente spaccate. E i genitori, intanto, hanno fatto sapere – come riporta Avvenire – che loro la benedizione vorrebbero pure farla, ma di pomeriggio molti lavorano e diventa così impossibile accompagnare i bambini a scuola in orari diversi. Insomma, non c’è ancora pace nella scuola di Foligno. Non il modo migliore per avvicinarsi alla Pasqua.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, il calvario di uno studente: "Spero di andarmene il prima possibile"

Next Article

Londra: tirocini retribuiti con 1.600 euro al mese con l'Agenzia Europea del Farmaco

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".