Londra e New York, capitali dei freelance

Schermata 2013-04-05 a 13.24.19

New York e Londra stanno diventando le capitali dei freelance.

Sempre più professionisti scelgono di lavorare fuori dall’ufficio e optano per gli spazi pubblici.
Caffè, biblioteche e musei, parchi e giardini- le destinazioni preferite.

Ad inaugurare la pratica è stata l’armata dei freelance che, lo scorso anno, ha invaso il mondo del lavoro in Gran Bretagna e, con il portatile nello zaino, si è riversata negli spazi pubblici della città.
E’ così che i caffè si sono adeguati alla nuova tendenza e hanno iniziato ad ospitare riunioni aziendali e spazi adeguati per i lavoratori.

Let’s Meet and Work, poi, è una mappa interattiva che recensisce tutti gli spazi migliori presenti al centro, dove poter lavorare in tranquillità.
Gli utenti hanno la possibilità di rilasciare dei feedback e di descrivere le comodità presenti sul posto.

Worksnug, invece, è una community nata online per collegare “lavoratori in viaggio e migliori luoghi dove lavorare” .
Pare, poi, che i locali scelti dai freelance siano soprattutto “Yumchaa”, sala da te, e The Hub, spazio polifunzionale vicino la King’s Cross station, dotato di wi-fi  e caffetteria.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bus in fiamme, salvi per miracolo 44 studenti

Next Article

Perde il lavoro, si tatua sul viso i nomi di siti porno per pagare i debiti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.