L’insonnia favorisce l’ingestione di cibi spazzatura

insonnia e cibi spazzatura

Insonnia e cibi spazzatura L’insonnia non fa bene alla dieta. Una notte trascorsa a occhi spalancati aumenta, infatti, la nostra attrazione verso il cibo spazzatura. Dolci zuccherati e pizze ipercaloriche caratterizzano il menu degli insonni che, snobbano verdure e cereali integrali, per darsi allo ‘junk food’ durante le veglie notturne. Una tendenza poco salutare che sembra sia determinata dalle regioni del cervello che veicolano le scelte alimentari, secondo un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dell’Universita’ della California pubblicato sulla rivista ‘Nature Communications’.

Utilizzando le risonanze magnetiche, gli studiosi hanno scoperto che dopo una notte insonne il cervello mostra un’alterazione dell’attivita’ nel lobo frontale, che governa i complessi processi di decision-making, e una maggiore attivita’ nei profondi centri cerebrali che rispondono alle ricompense. In pratica, l’assenza di sonno riduce la capacita’ di prendere decisioni complesse e amplifica le funzioni delle strutture cerebrali piu’ primitive che regolano desiderio e motivazione. Dai dati e’ emerso inoltre che gli alimenti ad alto contenuto calorico risultano istintivamente molto piu’ desiderabili agli insonni, cio’ aiuta a spiegare perche’ le persone che dormono meno tendono ad essere obese o in sovrappeso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Come far diventare scuole e università agenzie per il lavoro

Next Article

I cani sbadigliano insieme ai padroni

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.