Test di dialetto, la Lega ci ripensa

professore.gifLa Lega fa un passo indietro e puntualizza. Niente test per gli insegnanti sulla cultura, le tradizioni e il dialetto delle regioni in cui intendono insegnare. L’idea da portare avanti, invece, è quella di predisporre “piani di studio personalizzati, singolarmente o in forma associata, provvedendo all’integrazione dei testi scolastici con specifiche unità didattiche dedicate allo studio della lingua o del dialetto di ciascun territorio”. Ad affermarlo è il presidente dei deputati della Lega, Roberto Cota, confutando la notizia di test di dialetto rivolto agli insegnanti.
“Il presunto esame di dialetto – sostiene Cota – è una bufala”. “Solo test preselettivi propedeutici rispetto al superamento dei concorsi pubblici. Quella che bisogna eliminare è la sperequazione che si crea dando esclusivo peso alla valutazione dei titoli scolastici, perché come sappiamo ci sono università più generose e università più ‘rigorose”.
Dopo la richiesta del Carroccio – presentata in commissione Cultura della Camera durante la riunione del comitato ristretto – di rafforzare la conoscenza regionale dei professori, si è aperto un confronto aspro nel centrodestra, al quale ha fatto seguito una scia di proteste da parte dell’opposizione.
“Si attesti la tutela e la valorizzazione del territorio da parte dell’insegnante”, ha dichiarato ieri la deputata della Lega Paola Goisis, autrice della proposta del test ai professor. La Goisis ha inoltre parlato di un albo regionale al quale “potranno iscriversi tutti i professori che vogliono. Ma prima dovrà essere fatta una pre-selezione che attesti la tutela e la valorizzazione del territorio da parte dell’insegnante”.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per viaggiare in libertà c'è il trolley-monopattino

Next Article

Sapienza, un titolo oltre ogni confine

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".