Sapienza, un titolo oltre ogni confine

immagine1.jpgLauree internazionali alla Sapienza. Sono due studenti stranieri i primi laureati dell’ateneo capitolino in Computer Engineering, corso di laurea che prevede attività didattiche interamente in lingua inglese. I ragazzi hanno conseguito il titolo di dottore in Computer Engineering con le votazioni di 108 e 110 e lode.
Hani Qusa e Samir Shoukri, entrambi palestinesi, sono arrivati alla Sapienza grazie al sostegno offerto dal programma Erasmus Mundus, finanziato dalla Commissione europea e gestito dalla ripartizione Relazioni internazionali dell’ateneo.
Ha presieduto la Commissione di laurea Daniele Nardi, presidente del corso di studi in Computer Engineering; hanno partecipato alla seduta di laurea Paolo Lampariello, neo eletto preside della facoltà di Ingegneria dell’informazione e Luigina Aiello, direttore del dipartimento di Informatica e sistemistica.
Nell’ambito della propria offerta didattica, la Sapienza sta ampliando le proposte di corsi in lingua inglese, rivolti alla platea studentesca internazionale ma anche agli studenti italiani che desiderano una formazione facilmente spendibile all’estero.
Per l’anno accademico 2009-2010 sono stati attivati tre corsi di laurea magistrali strutturati in lingua inglese: Computer Engineering, Artificial Intelligence and Robotics, Finance and Development. Ai corsi di laurea si aggiungono alcuni master attivati nel corso dell’anno, tra i quali il master di primo livello in European and International Policies and Crisis Management, organizzato dal centro di ricerca Eurosapienza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test di dialetto, la Lega ci ripensa

Next Article

Un geometra al Sant'Alessio di Roma

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.