Le tasse universitarie dribblano i tetti

tasse universitarie

 

Le tasse universitarie sono troppo alte: a dirlo non sono i soliti studenti preoccupati per il pagamento della prima o della seconda rata. Sono gli stessi bilanci degli Atenei a dimostrare l’eccesso di contributo richiesto ai ragazzi.

Un decreto ministeriale, infatti, aveva fissato entro il limite del 20 % del finanziamento ricevuto dallo Stato il tetto oltre il quale le Università non possono gravare sul contributo degli studenti, ma i bilanci raccontano un’altra storia: tasse al 33 % all’Università di Torino, al 37 % alla Bicocca e alla Statale di Milano fino al picco del 66,4 % dell’Università per stranieri di Siena.

Quote maggiorate concesse da una deroga al decreto contenuta nella manovra di spending review voluta dal governo Monti.

E le tasse universitarie sembrano destinate ancora ad aumentare, in particolare al Sud. Scopri come nell’articolo de Il Sole 24 Ore.

 https://rstampa.pubblica.istruzione.it/utility/imgrs.asp?numart=28PP7H&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gravidanza in azienda, lo studio della Sapienza: attitudini, pregiudizi e ostacoli

Next Article

Oltre 11 mila nuovi posti negli asili nido con il taglio della politica nelle Province

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".