Le ‘sfide’ pericolose dei social, consigli ai genitori sulle ‘challenge’ on line

Consigli ai genitori sulle ‘challenge’ on line. I casi di Tiktok e non solo, la polizia postale spiega come fare

Consigli ai genitori sulle ‘challenge’ on line. I casi di Tiktok e non solo, la polizia postale spiega come fare

I casi di cronaca tragici, come la morte della bambina di appena 10 anni a Palermo o il bambino di nove a Palermo, lasciano a tutti i genitori sentimenti di preoccupazione, rabbia, impotenza, senso di fallimento. 

Come evitare pericoli del genere ai figli? Che abbiano 10 o siano adolescenti, cambia certo ma non elimina preoccupazione. A 9 anni si può evitare di dare il cellulare, a 15 no, ma l’ansia di come venga usato resta al di là dell’età, specie se l’uso per la comunicazione e per la navigazione  procede con disinvoltura da nativi digitali superiore alla dimestichezza spesso meno smart dei grandi.

I meandri dei social, le navigazioni nascoste, i tamtam pericolosi sfuggono spesso e con esso il controllo. Ecco dunque che l’utilizzo consapevole è una cultura da apprendere, un’educazione che vale per tutti. 

Le challenge on line, le sfide all’ultimo respiro (come quella che a quanto si sa ha causato la morte atroce della bambina della Kalsa) come possono essere evitate?

La polizia postale impegnata in prima linea sul tema offre questi consigli ai grandi, ai geniori:

Parlate ai ragazzi delle nuove sfide che girano in rete in modo che non ne subiscano il fascino se ne vengono al corrente da coetanei o sui social network;


Assicuratevi che abbiano chiaro quali rischi si corrono a partecipare alle challenge online. I ragazzi spesso si credono immortali e invincibili perché “nel fiore degli anni”: in realtà per una immaturità delle loro capacità di prevedere le conseguenze di ciò che fanno potrebbero valutare, come innocui comportamenti letali.


Alcune challenge espongono a rischi medici (assunzione di saponi, medicinali, sostanze di uso comune come cannella, sale, bicarbonato etc), altre inducono a compiere azioni che possono produrre gravi ferimenti a se’ o agli altri (selfie estremi, soffocamento autoindotto, sgambetti, salti su auto in corsa, distendersi sui binari, etc);


Monitorate la navigazione e l’uso delle app social, anche stabilendo un tempo massimo da trascorrere connessi. Mostratevi curiosi verso ciò che tiene i ragazzi incollati agli smartphone: potrete capire meglio cosa li attrae e come guidarli nell’uso in modo da essere sempre al sicuro.


Se trovate in rete video riguardanti sfide pericolose, se sui social compaiono inviti a partecipare a challenge, se i vostri figli ricevono da coetanei video riguardanti le sfide segnalateli subito a  www.commissariatodips.it


Tenetevi sempre aggiornati sui nuovi rischi in rete con gli ALERT che vengono pubblicati sul portale www.commissariatodips.it e sulle pagine Facebook Una Vita da Social e Commissariato di PS Online

Leggi anche:

Falla sicurezza TikTok, a rischio dati

https://corriereuniv.it/2021/01/tiktok-i-profili-degli-under-16-diventano-privati/

Bambina morta a Palermo dopo una challenge su TikTok: aperte due inchieste, sequestrato il cellulare della bambina

TikTok sta crescendo: in Italia 236 video al minuto, tra meme e creatività

https://corriereuniv.it/2021/01/come-funziona-clubhouse-il-social-network-del-momento/

Tik Tok, influencer siciliana denunciata per istigazione al suicidio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, in 7 Regioni si torna in presenza

Next Article

Lotteria degli scontrini: come funziona, premi ed estrazioni

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".