Le lingue salvate in UE

Traduttori e interpreti presso l’Unione Europea. Apertura della candidature fino a metà agosto 2010.

Laureti in lingue, l’Europa vi chiama. L’ufficio di selezione dell’Unione Europea (ESPO)  eroga un bando per  la selezione di 192 professionisti in campo linguistico (interpreti e traduttori) che oltre alla propria lingua, abbiano una perfetta padronanza, sia scritta che orale di due delle 23 lingue dell’Unione Europea.
In particolare, il bando attuale comprende le lingue: Inglese, francese, tedesco, danese e sloveno.
Le candidature sono aperte fino al 12 agosto 2010 per traduttori e fino al 19 agosto 2010 per interpreti.  Per visionare le offerte complete per ogni lingua, visitare la sezione delle candidature del sito dell’epso.
Chiunque fosse importante a lavorare all’estero vi invitiamo a visiare giornalmente il sito ufficiale di selezione del personale dell’UE (epso) e le strutture di riferimento.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavorare in UE

Next Article

Informatici a Torino

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.