Lavorare in UE

Conoscere le opportunità dell’UE, come frontiera di mobilità occupazionale e sociale.

In ambito europeo, la maggiore organizzazione internazionale governativa è l’Unione Europea e la Commissione Europea rappresenta l’organo che offre le maggiori possibilità di impiego. La struttura delle carriere consiste in un unico sistema retributivo che prevede 16 gradi professionali. I funzionari assunti vengono inquadrati nel grado indicato nel bando del concorso che hanno vinto. I tipi di contratto sono essenzialmente due: Contratti, come funzionari permanente e agente temporaneo.
Funzionario permanente
Per i giovani laureati, si consiglia di rivolgersi alla posizione di funzionario  tramite concorso pubblico, al pari di ogni istituzione governativa. Per tenersi aggiornati sui bandi, si consiglia di  consultare il sito www.eu-careers.com, L’agenzia EPSO (European Personnel Selection Office) rappresenta un valdio strumento di divulgazione dei concorsi. Sul sito si possono trovare anche esempi di test (sample test). Vi consigliamo caldamente la lettura del sito (epso.eu) come primo approccio all’universo lavorativo offerto dalla comunità europea.
Agenti temporanei
Gli agenti temporanei vengono assunti per un posto e un tempo determinati, secondo le necessità contingenti. Pre- e selezione dei candidati, basato sull’invio di cv. Decisione finale: intervista effettuata da un comitato di selezionatori. Esperienza pluriennale nel settore. Strada da perseguire dopo qualche anno di lavoro. Le vacancies vengono segnalate nei siti delle singole istituzioni europee. Come per le Nazioni Unite, chi ha già esperienza può candidarsi come esperto individuale.
EURES
Ogni paese membro dell’UE, ha un ufficio EURES, come punto di raccordo per le informazioni laorative in ambito europeo. L’ European Employment Services costituisce una rete di cooperazione cui partecipano i servizi pubblici per l’impiego dello Spazio Economico europeo (SEE) insieme con altri soggetti regionali, nazionali ed internazionali attivi di ogni paese, in merito all’occupazione.
Nelle regioni frontaliere i soggetti partecipanti possono anche creare strutture specifiche, denominate EURES transfrontalieri, rivolte a rispondere alle esigenze particolari di quelle regioni in materia di mobilità.  La forza operativa in Italia delle rete EURES è rappresentata dai consulenti EURES, distribuiti sul territorio italiano, assistiti nella loro attività dagli Assistenti e Referenti EURES, con il compito di informare, consigliare e aiutare i candidati alla mobilità e le imprese che intendono assumere personale a livello internazionale. Portale della mobilità:https://europa.eu.int/eures
Eures Italia
Per accedere al servizio, occorre contattare uno degli sportelli Eures di tutta Italia, preferibilmente quello geograficamente più vicino. Il contatto con il Consulente Eures può avvenire per posta, per e-mail, per telefono o direttamente presso gli uffici ove opera personale EURES.
Le rete EURES consente a tutti coloro che cercano lavoro di prendere conoscenza delle offerte di lavoro disponibili nel paese prescelto. Tutte le imprese che desiderano allargare la ricerca del personale oltre il territorio nazionale possono consultare profili di candidati alla mobilità e diffondere le loro offerte di lavoro presso i partners di EURES.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Adisu: arrivano i contributi

Next Article

Le lingue salvate in UE

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.