Le cure trasformano i malati di Parkinson in giocatori d’azzardo

Schermata 2013-04-04 a 16.56.45

L’8% dei pazienti con Parkinson sviluppa un curioso effetto collaterale alle cure: si trasforma in un giocatore d’azzardo, un vero e proprio scommettitore compulsivo. Ad oggi non e’ chiaro cosa ‘scatti’ nel cervello di chi scommette senza freno in assenza di una patologia neurologica alla base; ma ora uno studio condotto dai ricercatori coordinati da Alberto Priori dell’Universita’ degli studi di Milano, insieme agli scienziati del Policlinico di Milano, dell’Istituto Neurologico Besta e dell’Istituto Neurologico Mondino di Pavia, ha scoperto il meccanismo alla base delle scommesse compulsive nel cervello del malato di Parkinson. Lo studio e’ appena stato pubblicato sulla rivista scientifica ‘Movement Disorders’.

I ricercatori hanno studiato in particolare il nucleo subtalamico, una porzione del cervello grande come una lenticchia coinvolta nei processi mentali che ci fanno prendere le decisioni, ma anche nell’elaborazione delle nostre emozioni. Grazie ad alcuni elettrodi sono state registrate le reazioni di questo nucleo di fronte a decisioni di tipo economico, sia su 58 malati di Parkinson che soffrivano anche di gioco compulsivo indotto dalla terapia, sia su 59 malati di Parkinson senza problemi di gioco d’azzardo. Gli scienziati hanno scoperto che il nucleo subtalamico, di fronte al rischio, reagisce in modo diverso nelle due categorie di pazienti: in chi soffre anche di gioco d’azzardo compulsivo, infatti, questa porzione del cervello e’ iperattiva durante gli “stimoli conflittuali”, come appunto le decisioni che portano a un rischio o a una forte perdita economica.

Si tratta di una vera e propria disfunzione che innalza la soglia alla quale si percepisce il rischio: in pratica, e’ come se il cervello dei malati di Parkinson che giocano d’azzardo non fosse piu’ in grado di valutare correttamente la gravita’ o meno della perdita economica. Per contro, invece, dallo studio e’ emerso che il cervello dei malati di Parkinson che non hanno problemi con il gioco d’azzardo usa una strategia diversa per risolvere le situazioni conflittuali: davanti al rischio sceglie la soluzione meno ‘pericolosa’ e piu’ tranquilla.

“Questa ricerca – commenta Ferdinando Cornelio direttore scientifico del Besta – chiarisce i meccanismi neurofisiologici di un disturbo del comportamento che puo’ complicare la malattia di Parkinson, e che puo’ avere conseguenze disastrose per l’individuo, la sua famiglia e la societa’, alimentando anche i comportamenti illeciti ad esso connessi come furti o rapine”. La nuova scoperta, aggiunge Gabriella Pravettoni, direttore del Centro di ricerca sui processi decisionali dell’Universita’ di Milano, “rappresenta un approccio innovativo allo studio del comportamento umano e delle decisioni in ambito economico, e fornisce allo stato attuale informazioni davvero uniche”.

“Secondo la nostra ricerca – spiega Priori – il nucleo subtalamico potrebbe essere coinvolto anche in altre anomalie del comportamento, non solo per il gioco d’azzardo ma anche ad esempio per le dipendenze da alcol e droghe, o per i comportamenti compulsivi. Sara’ quindi fondamentale proseguire su questa strada, per conoscere sempre piu’ il modo con cui il cervello prende le decisioni ma anche per ridurre al minimo effetti collaterali di questo tipo sui malati di Parkinson”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Grazie a Profumo la bimba non vedente andrà a scuola

Next Article

Con scene di Scarface arriva in Campania: "Sodoma, l'altra faccia di gomorra"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.