Lavoro, entro il 31 centinaia di migliaia attendono il rinnovo

C’e’, dice Nidil, quasi 1 milione e mezzo di collaboratori (Inps 2010), di cui 200.000 under 30 e quasi 380.000 under 40, composti per poco meno della meta’ da collaboratori a progetto, seguiti da circa 500.000 amministratori o sindaci di societa’, 55.000 collaboratori della pubblica amministrazione e circa altrettanti dottorati di ricerca, a cui si sommano tutte le altre tipologie di collaborazione. Infine, ci sono circa 5,5 milioni di partite Iva intestate a persone fisiche.

Di queste, precisa Nidil, 250.000 sono lavoratori iscritti alla gestione separata Inps; gli altri sono lavoratori autonomi che fanno riferimento ad altri enti previdenziali (architetti, avvocati, giornalisti.).

In generale, comunque, una stima parla di 400.000 false partite Iva in totale. “Il 2012 si chiude molto male sul versante lavoro -commenta Filomena Trizio- sia per una crescente disoccupazione, sia per la mancanza di risorse sufficienti ad alimentare una cassa integrazione che riguarda centinaia di migliaia di lavoratori a riprova che la crisi non si e’ affatto allentata”. “Sicuramente e’ stato un anno pessimo per il lavoro -ribadisce Trizio- segnato da accordi come quello sulla produttivita’ che ci hanno riportato indietro rispetto al contratto nazionale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli eventi a Roma, aspettando il Capodanno ai Fori Imperiali

Next Article

Menti tanto speciali quanto bisognose di aiuto

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.