Lavori prenatalizi sotto l’albero

Natale tempo di regali. E tra uno shopping e un altro c’è anche la possibilità di trovare un lavoro con i fiocchi. Oltre ai profili richiesti tutto l’anno, che vanno dall’operaio all’ingegnere specializzato, nel periodo pre-natalizio spuntano alcune particolari figure, spesso legate alla grande distribuzione.
Tra queste ci sono naturalmente i cassieri, gli ausiliari di cassa (quelli che assistono i cassieri nel verificare prezzi e quant’altro), le cosiddette “pattinatrici” (che sistemano i prodotti sugli scaffali, così chiamate appunto perché, specie nella tradizione statunitense, lavorano sui pattini), i promoter che invitano a provare gratuitamente i propri prodotti. Più difficili da trovare sono poi i banconisti e gli specialisti per taluni settori, come l’elettronica di consumo.
Opportunità di impiego anche dagli enti finanziari per promuovere il credito al consumo, spesso all’interno della stessa GdO (Grande Distribuzione Organizzata). E non mancano le richieste alle Agenzie per il Lavoro per i Babbo Natale. «Le Agenzie sono da tempo il canale preferenziale per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, anche per i giovani che intendono svolgere qualche attività durante il corso degli studi – ha dichiarato Gennaro delli Santi Cimaglia, Presidente di Assolavoro, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro. Per proporsi basta entrare in uno degli oltre 2500 sportelli presenti in tutta Italia, presentare il proprio curriculum e fare un colloquio. Il tutto è completamente gratuito. Se poi si presentano opportunità per quel profilo sarà l’Agenzia a contattare il giovane. Da sottolineare è poi il fatto che il lavoratore in somministrazione ha gli stessi diritti e le stesse tutele del lavoratore dipendente addetto alle medesime mansioni, compresa la retribuzione».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Spezzaferro sulla storia dell'arte

Next Article

Vito, un applauso pieno di dolore

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.