Lavorare nel parco acquatico

Hydromania, il parco acquatico alle porte di Roma offre lavoro. Ampio ventaglio di possibilità “divertendosi”.

Hydromania, il parco acquatico alle porte di Roma offre lavoro: sono più di 50, infatti, le possibilità di trovare un impiego presso il parco divertimenti. La società incaricata delle selezioni, Elcamania, è alle ricerca di decine di figure in diversi settori.
Nel dettaglio, le ricerche sono attive per i profili di assistenti ai bagnanti, assistenti alla clientela, animatori di miniclub o animatori per adulti, addetti alle pulizie o al parcheggio.
Si passa, poi, alle figure classiche dell’ area della ristorazione come baristi e gastronomi e ai cassieri. I requisiti comuni? Sono innanzitutto un’età non superiore ai 30 anni (che può salire per quanto riguarda gli addetti alle pulizie) e un’esperienza professionale maturata nel ruolo per il quale ci si sta candidando.
È necessario, inoltre, garantire la propria disponibilità all’impiego per il periodo di apertura del parco che va dal 29 maggio al prossimo 5 settembre. Meglio, poi, se i candidati sono auto o motomuniti.
Gli interessati possono inviare la propria candidatura in due modi. Inviando il proprio curriculum all’indirizzo di posta elettronica [email protected] o collegandosi al sito internet www.elcamania.it alla pagina “reclutamento”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Progetto Angkor

Next Article

Turisti per caso studenti per scelta

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.