Lavorare con i videogames: stage retribuito con la Goodgames Studios

lavoro videogame

Lavorare con i videogamesLa famosa azienda di giochi online cerca giovani italiani per assistenza alla sua community di appassionati. Offerta di 6 mesi ad Amburgo a 450 euro mensili. Unico requisito: ottima conoscenza dell’inglese orale e scritto

 

Stage retribuito di sei mesi ad Amburgo con la Goodgames studios, l’azienda tedesca diventata famosa grazie a giochi online come Empire o Big Farm.

L’offerta è rivolta a giovani italiani, con buona conoscenza della lingua inglese orale e scritta, intenzionati a intraprendere un’esperienza di lavoro in Germania.

Non sono richiesti particolari titoli di studio né esperienze pregresse nel settore; i candidati potranno scegliere il periodo in cui avviare lo stage che durerà, comunque, sei mesi e verrà retribuito con 450 euro mensili.

I ragazzi selezionati dovranno interagire direttamente con i clienti dell’azienda: le migliaia di utenti che utilizzano quotidianamente i giochi della Goodgames. I tirocinanti, quindi, dovranno comunicare con i giocatori tramite diversi canali (email, forum, chat, etc.); saranno tenuti a conoscere tecnicamente i giochi dell’azienda, così da poter rispondere a qualsiasi richiesta degli utenti e dovranno cooperare con altri dipartimenti della Goodgames, come designer e programmatori, per segnalare qualsiasi problema riscontrato dalla comunità dei giocatori.

Per partecipare alla selezione bisogna inviare curriculum vitae e lettera di presentazione, entrambi in inglese, all’attenzione di Lena Boge, attraverso il form del sito Scambieropei.com.

Goodgame Studios è una delle compagnie di giochi online più attive in Europa. Grazie a più di 500 dipendenti, impiegati nella sede tedesca ad Amburgo, riesce a raggiungere un bacino di 150 milioni di giocatori, in 200 paesi diversi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Decreto Scuola, la reazione di Link : "Non bastano le promesse, l'11 in piazza"

Next Article

Lo sconcerto tra Cervantes e quiz sul prosciutto. "Test falsati, non si cambiano le regole così"

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.