"L'arte della masturbazione", il corso universitario obbligatorio che fa discutere il Regno Unito

Un corso universitario obbligatorio in Arte della masturbazione per circa 200 studenti iscritti al secondo anno della Sheffield University, in Inghilterra. A riportare la curiosa notizie è il quotidiano The Independent, che cita direttamente il giornale universitario The Tab.
L’ultima parte del modulo obbligatorio in Critica e Teoria letteraria, infatti, porta come titolo “Piacere, auto-controllo e auto-erotismo”, all’interno del quale ci sarà una lezione tenuta dal Dr Fabienne Collignon, dall’esplicito tiloto “The art of Masturbation”.
“La lezione sarà su Walt Whitman, Rob Halpern e la decostruzione della masturbazione – ha precisato il dottor Collignon – L’ultima settimana del corso è chiamata Piacere, auto-controllo e auto-erotismo. L’ho chiamata così perché c’è un’affinità tra piacere letterario, auto-controllo e auto-erotismo”.
I testi consigliati per il corso sono di autori divenuti classici: il saggio “Jane Austen and the Masturbating Girl” di Eve Kosofsky Sedgwick che, oltre ad indagare sull’identità mastubatoria, sostiene che “Ragione e sentimento” sia in realtà un inno al lesbismo. Altri testi consigliati sono “Potere, piacere e frenesia del visibile, Sesso solitario: una storia culturale della masturbazione” e Walt Whitman “L’immaginazione spermatica”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Your First Eures Job, opportunità di lavoro in Germania per infermieri italiani: stipendio da 2.600 euro

Next Article

Nuovo Isee, studenti lanciano l'SOS. A rischio migliaia di borse e sussidi

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".