L'agenda del neoministro Gelmini

La questione è aperta sul tavolo del Ministero: al passaggio di consegne con il suo predecessore a Viale Trastevere, Giuseppe Fioroni, il neoministro Mariastella Gelmini ha trovato l’accoglienza di una manifestazione promossa dai Cobas (indetta da tempo ma coincidente con l’arrivo del nuovo titolare del dicastero) che sollecitavano il ritiro dell’ordinanza ministeriale sul recupero dei debiti scolastici.
Si tratta di un argomento “caldo”, di cui negli istituti superiori si parla ormai da settimane: il recupero dei debiti scolastici è una delle prime questioni a cui il neoministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca è chiamata a metter mano.
L’Unione degli studenti, dal canto suo, ha già lanciato una petizione popolare per chiedere al nuovo governo una sanatoria sul recupero dei debiti: «Non possiamo accettare – ha spiegato l’associazione studentesca – che le mancanze strutturali e di risorse che colpiscono le nostre scuole ricadano sul percorso formativo degli studenti».
Mariastella Gelmini si è già messa al lavoro per verificare quel che c’è da fare su tutti i fronti di sua competenza, dalla scuola alla ricerca. Assieme al sottosegretario Giuseppe Pizza nei prossimi giorni dovrà definire un’agenda con le priorità, tra le quali va inclusa anche quella del precariato. Intanto, i dirigenti scolastici sono alle prese con la programmazione dei corsi di recupero (il 70% degli studenti è risultato in debito alla fine del primo quadrimestre) per coloro che avranno la promozione sospesa in attesa di saldare le carenze nelle diverse discipline di studio.
La valutazione sarà rimandata a settembre e potrebbe provocare problemi pesanti di organico, perché le promozioni e le bocciature potranno determinare diminuzione o aumento del numero delle classi (e quindi del numero delle cattedre). Con conseguenze sul regolare avvio dell’anno scolastico, ma anche con un problema di costi per assicurare il minimo di durata dei corsi di recupero. Il timore – espresso da alcuni – è che ci sia un effetto forzato sui prossimi scrutini di giugno e che, cioè, in diversi istituti ci si stia orientando a ridurre al massimo il numero degli studenti con debiti, con un aumento dei promossi e dei bocciati.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
4 comments
  1. la scuola italiana naviga da tempo immemore nel caos; riforme e controriforme hanno solo contribuito ad aumentare tale situazione; capisco lo smarrimeto degli studenti; quello che non posso accettare è che chi non ha studiato durante l’anno, ha fatto i porci compdi, con tutte le possibilità offerte per “pareggiare” i conti con i programmi, oggi “rischi” di trovarsi promosso a tutti gli effetti come quelli che si sono veramente impegnati

  2. Credo che ormai l’unica soluzione sia abolire il ministero dell’istruzione, delegando la sua amministrazione a un dirigente amministrativo; non vi sembri una provocazione: affidare questo campo a politicanti come fioroni o la gelmini, tanto per nominare gli ultimi, non farà che peggiorare la situazione. Ognuno di loro è interesato a lasciare la proproia traccia e guadagnare voti, in più nessuno di loro è più entrato in una classe dopo l’esame di maturitaà Si circondano di pseudo-esperti, scelti fra quanti si sono distini nella gestione burocratica. Se un insegnte si sforza di lavorare uno solo è il suo destino: rimanere dov’è, non essere mai interrogato sulla scuola (per quello ci sono psicologi e soubrettes televisive) ed essere per di più preso in giro.

  3. Per le scuole superiori questo è stato un anno tragico.L’ ordinanza Fioroni ha solo fatto perdere tempo e tantissimi soldi alle famiglie italiane Le lezioni private hanno avuto un incremento del 50% grazie a questi debiti e relativi esami messi a metà anno. Non tutti hanno la fortuna di avere la sufficienza in tutte le materie anche perchè questo non dipende solo dallo studio ma da un mix di elementi fra i quali la qualità dei docenti che in Italia non è sempre al top. Nessuno vuole il sei politico ,ma perfavore troviamo dei sistemi idonei all’anno del Signore 2008! Lasciamo gli esami di riparazione in soffitta e diamoci tutti da fare per trovare delle soluzioni alternative che aiutino veramente questi nostri studenti a crescere e ad imparare per il gusto di farlo senza punizioni.Ci deve essere una soluzione condivisa : perché non dare suggerimenti?

Lascia un commento
Previous Article

Tirocini presso casa editrice,il bando dalla Crui

Next Article

Dalla Regione Lazio misure anti-bulli

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.