La Spezia, Provincia stanzia 70mila euro per tirocinanti

spezia

E’ stato pubblicato un bando per tirocini nelle micro imprese della Provincia di La Spezia. Per l’intervento, sono stati destinati ben 70mila euro.

L’avviso è volto a promuovere l’attivazione di tirocini formativi in grado di fornire le competenze tecnico-professionali necessarie per inserirsi nel settore dell’artigianato, del commercio e del turismo.

Per partecipare al bando, i giovani devono avere tra i 18 e i 35 anni, devono essere disoccupati o inoccupati, devono essere residenti o domiciliati a La Spezia ed iscritti ad un centro di impiego.

Le micro e piccole imprese, invece, devono essere iscritte all’Albo delle imprese artigiane, in forma singola o associata, oppure essere imprese del commercio e turismo, iscritte al registro della camera di commercio.

Inoltre, devono avere sede nei comuni di Vernazza, Vezzano Ligure e Zignago, Riomaggiore, Rocchetta di Vara, Santo Stefano di Magra, Sarzana, Sesta Godano, Varese Ligure, Castelnuovo Magra, Follo, Maissana, Monterosso al Mare, Ortonovo, Pignone, Riccò del Golfo di Spezia, Ameglia, Arcola, Beverino, Bolano, Borghetto di Vara, Bugnato, Calice al Cornoviglio, Carro e Corrodano.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Garbatella, scritte omofobe al liceo

Next Article

Corigliano Calabro, domani visita di Profumo e Cancellieri in un bene confiscato

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.