La speranza è tutta nel Pnrr: un milione di posti di lavoro nei prossimi due anni

Le misure del Recovery plan creeranno occasioni di impiego soprattutto per donne e giovani tra i 15 e i 29 anni. Ma restano diversi nodi

Le misure contenute nel Recovery plan creeranno nuove occasioni di impiego soprattutto per donne e giovani tra i 15 e i 29 anni. Ma restano diversi nodi

Il Recovery plan avrà un forte impatto sul lavoro, direttamente con la creazione di nuovi posti e indirettamente. Togliendo gli ostacoli alla creazione di nuove imprese e stimolando gli investimenti che a loro volta creeranno ulteriori occasioni di impiego. Le misure contenute nel Pnrr e le riforme connesse sono speranza e punto di ripartenza dopo la crisi.

I NUMERI CALCOLATI

Secondo i primi calcoli degli esperti, riportati dal Sole24 ore, ci si attende per il 2023 la creazione di un milione di posti di lavoro rispetto al 2020. Situazione tale da portare a livelli pre crisi e anzi con un divario positivo di 300 mila occupati rispetto allo stesso anno, in cui erano andati persi oltre 700 mila posti. Nel 2026, allo scadere temporale del piano di ripresa e resilienza, lo spread positivo potrebbe toccare quota 750 mila.

DONNE E GIOVANI

Un impatto importante soprattutto nel caso di donne e giovani. L’occupazione femminile è stimata in crescita di 350mila impiegate nei sei anni, 90mila in più per quanto riguarda la fascia d’età tra i 15 e 29 anni. Decisive, ha spiegato al Sole24 ore Andrea Garnero, economista Ocse, saranno “le politiche attive, per avere un numero di lavoratori sufficiente alle richieste delle imprese”.

IL GAP RESTA

L’aumento dell’occupazione “non è da sottovalutare” sostiene sempre al quotidiano economico Francesco Seghezzi, presidente della Fondazione Adapt, che però sottolinea come nonostante le previsioni “anche nelle migliori delle ipotesi previste non si riuscirà a intaccare in modo sostanziale il differenziale di occupati italiani inferiore rispetto ai competitor europei”.

LE POLITICHE ATTIVE
La partita delle politiche attive, a cui vengono assieme alla formazione vengono assegnati 4,4 miliardi sui 6 totali, impone questa volta il raggiungimento di un obiettivo finora sempre fallito dai governi precedenti. Che hanno fatto arenare le politiche attive anche a causa della difficile interlocuzioni con le Regioni, competenti in concorrenza nella materia. Servono dunque decisioni politiche forti per evitare un ennesimo flop.

Total
7
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, ennesima rivoluzione all'orizzonte: "Il prossimo deve essere un anno costituente"

Next Article

Viaggio ai confini dello spazio con i cosmologi della Scuola Normale di Pisa

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.