Scuola, ennesima rivoluzione all’orizzonte: “Il prossimo deve essere un anno costituente”

Il minsitro dell’Istruzione annuncia novità per il prossimo anno scolastico: “La scuola va ripensata per rimetterla al centro della nostra società”.

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, l’altra sera in tv su Rai1 ha parlato anche del futuro della scuola: “Non ha mai chiuso, questo deve essere chiaro – ha ribadito – In questo anno i nostri insegnanti e i docenti hanno sperimentato strumenti che prima non erano nelle loro disponibilità. Come per esempio la DaD che nel corso del tempo è cambiata: quella che si fa oggi non è quella che si faceva lo scorso anno“.

Poi lo sguardo al futuro: “Il prossimo anno deve essere un anno costituente per la scuola, in cui bisogna ripensarla. Dobbiamo rimetterla al centro perché fino ad oggi è stata sempre vista come una cosa certa, che c’era ed era data. E ci siamo accorti della sua importanza solo quando non c’era più” ha concluso il ministro.

Total
9
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vaccini agli insegnanti, il Ministero ammette: "Fermi al 70% ma dobbiamo ripartire"

Next Article

La speranza è tutta nel Pnrr: un milione di posti di lavoro nei prossimi due anni

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.