La rivelazione della Coppa d’Africa vola ai quarti

capo_verde_getty

The show must go on. Sembra non dover finire il sogno di Capo Verde alla Coppa D’Africa 2013. La nazionale di calcio, alla sua prima partecipazione alla competizione, ha infatti raggiunto – contro ogni pronostico – i quarti di finale, classificandosi al secondo posto del girone A.

La vittoria è arrivata al 90’ nella partita di ieri sera contro l’Angola. 2-1 il risultato finale e qualificazione raggiunta. E pensare che il piccolo arcipelago africano è riuscito ad essere presente alla manifestazione anche grazie ad una colletta popolare messa in atto dalla federazione nazionale.

Gli abitanti sono in tripudio, i giocatori pure. Nella conferenza stampa del post-partita i giocatori hanno raggiunto il loro tecnico per festeggiare a suon di cori e saltare sui banchi davanti ai giornalisti.

Una favola moderna che va oltre lo sport. Antunes, allenatore della nazionale di Capo Verde, si guadagna da vivere facendo il controllore di volo. La federazione, non avendo i soldi necessari, non può mandarlo in Europa per visionare i giocatori più bravi. E così lui si basa sulla fiducia: “Se un giocatore milita in un club europeo, allora vuol dire che è bravo e che può giocare in nazionale”.

Ieri sera Antunes correva sul campo di Port-Elizabeth sventolando la bandiera del suo paese. Un momento che i 500mila abitanti di Capo Verde difficilmente dimenticheranno.

Ai quarti di finale, molto probabilmente, la piccola nazionale se la dovrà vedere con i favoriti del torneo, il Ghana. Ma c’è già chi è pronto a scommettere su un nuovo colpo di scena…

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Falsi esami, anche due docenti sul banco degli imputati

Next Article

Lavoro minorile, la Apple chiude i rapporti con una società cinese

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".