La ricerca: niente sesso? Colpa della crisi

niente sesso

Niente sesso, c’è la crisi. Potrebbe sembrare il titolo di una commedia hollywoodiana e invece è il risultato di una ricerca scientifica condotta dagli studiosi del NatCen Social Research e dai ricercatori dell’University College di Londra.

Gli esperti hanno messo a confronto le abitudini sessuali della fascia di popolazione più attiva (le persone tra i 16 e i 44 anni) negli anni ’90 e dei parietà degli anni duemila. Il risultato? La media negli anni ’90 era di sette rapporti sessuali al mese mentre dieci anni dopo è scesa a quattro.

Tra le cause di questo scarto anche la crisi economica: “Le persone sono preoccupate per i loro posti di lavoro, preoccupate per i soldi e non sono in vena di sesso – ha commentato il dottor Cath Mercer, dell’University College di Londra – Non solo, però, se si pensa che generalmente le coppie prima di addormentarsi invece che dedicarsi a coccole e carezze finisco sotto alle coperte con il tablet e lo smartphone in mano per dare un’ultima sbirciata a Twitter e Facebook o per rispondere alle e-mail”.

Dalla ricerca, inoltre, è emerso che il 15% degli intervistati ha ammesso di aver avuto il calo del desiderio e il 6% di essere ricorso al sesso a pagamento per appagarsi sessualmente. Molte poi le donne che hanno dichiarato di aver avuto rapporti anche contro la propria volontà.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, incontro al CNSU col ministro Carrozza. Gli studenti: "Parteciperemo ai tavoli tecnici con proposte concrete"

Next Article

Università del Sud, salta l'incontro col ministro Carrozza. Gli studenti delusi: "Vuole scappare"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".