La rassegna stampa di venerdì 26 novembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli di oggi selezionati dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Boom degli studenti in alternanza scuola lavoro – Sono circa 60 mila in più rispetto allo scorso anno, i giovani che stanno partecipando a percorsi di alternanza scuola lavoro. Un incremento dovuto alle politiche introdotte dal Jobs Act, Garanzia Giovani e La Buona Scuola.
Corriere della Sera – Gli studenti migliori? Paghiamoli – La proposta, sulla scia di una pratica ben avviata negli Stati Uniti: dare un contributo economico per ogni buon voto ottenuto nei percorsi superiori di istruzione. Così si spronano i ragazzi a dare il meglio?
Il Fatto Quotidiano – Poletti rispolvera i bamboccioni: “Laurearsi con 110 e lode a 28 anni è inutile” – La provocazione del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che invita i ragazzi a fare presto, non perdere tempo per pochi voti in più ed entrare immediatamente nel mondo del lavoro.
Repubblica – Ricerca nel mondo? Mai stata meglio – Il rapporto dell’Unesco spiega come e perchè il numero degli scienziati sia in costante aumento così come quello degli investimenti in ricerca ed innovazione.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli: corsi gratuiti di lingua inglese, francese e spagnola

Next Article

Unesco World Science Report: "Non ci sono mai stati così tanti scienziati al mondo"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).