La rassegna stampa di martedì 17 febbraio

Dalle iscrizioni on line all’attacco degli hacker di matrice islamica alla scuola fiorentina. Sono principalmente due le notizie di oggi sviluppate dai quotidiani in tema di scuola, università e ricerca. La Stampa fa il punto della situazione sulle iscrizioni on line: sono oltre un milione e mezzo le domande arrivate a viale Trastevere, con buona parte delle famiglie che si dichiara “soddisfatta”.
Il Corriere della Sera, invece, analizza le iscrizioni da un punto di vista più approfondito: lo Scientifico raccoglie oltre il 25 % degli iscritti, doppiando il liceo Classico. I tecnici si confermano al 30 %.
La Nazione di Firenze si concentra sull’attacco hacker alla scuola di Scandicci Uno: “Le famiglie stiano tranquille” – conferma il sindaco Fallani.
Il Tempo, invece, si concentra sullo stop alle gite scolastiche in Europa: gli uffici scolastici regionali stanno invitando ad essere più cauti nella scelta delle mete, raccogliendo il plauso dei genitori.
La Repubblica, infine, parla del nuovo piano visite al Quirinale, con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha annunciato la possibilità di visitare il palazzo tutti i giorni.
Ma ancora la denuncia dell’eco-mostro di Bari, il divieto degli OGM all’Expo e le nuove regole per l’uso dei droni.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 17 febbraio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tesi di laurea copiata? Arriva il software anti-plagio

Next Article

Diritto allo studio: gli studenti alzano la voce

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.