Diritto allo studio: gli studenti alzano la voce

La discussione sulle riforme costituzionali entrata nel vivo in parlamento nell’ultima settimana potrebbe avere un forte effetto anche sugli studenti universitari italiani. Nell’ambito della ridefinizione del titolo V della Costituzione stiamo infatti assistendo ad una modifica dell’articolo 117 riguardante la suddivisione di competenze tra Stato e Regioni: per la prima volta il diritto allo studio universitario sarà citato esplicitamente nell’ambito delle competenze esclusive delle regioni ma solo per quanto riguarda la sua ‘promozione’.

“Si tratta di una novità non di poco conto per il sistema del diritto allo studio italiano che, se la riforma dovesse andare in porto, non sarebbe più competenza esclusiva delle regioni – commenta Gianluca Scuccimarra, coordinatore UDU. Secondo l’interpretazione del relatore di maggioranza Fiano, infatti, con questa nuova formulazione lo stato si riapproprierebbe del potere di ‘definizione dei principi e delle regole di organizzazione del sistema, nonché dell’elaborazione di piani per l’erogazione di borse di studio”.

“In realtà la formulazione del testo presente nella riforma si presta a diverse interpretazioni e non chiarisce in pieno le responsabilità legate a questa materia” continua Scuccimarra “ma se prevarrà l’interpretazione attuale, in caso di approvazione, senza dubbio si aprirebbe uno scenario nuovo, con un evidente spostamento di competenze dalle Regioni allo Stato”.
“In questo scenario la priorità deve essere la garanzia di un sistema non solo uniforme su tutto il territorio nazionale ma veramente in grado di garantire l’accesso all’istruzione superiore a tutti gli studenti capaci anche se privi di mezzi, a partire dall’eliminazione della piaga degli idonei non beneficiari. La redistribuzione di competenze dovrà necessariamente essere seguita da una revisione dell’intero impianto normativo, a partire dal Dlgs 68/2012, che parta dall’individuazione chiara delle responsabilità rispetto alla garanzia di questo diritto costituzionale e da una definizione ampia ed inclusiva dei Livelli Essenziali delle Prestazioni e dei requisiti di accesso alle provvidenze – conclude Scuccimarra. Una revisione che dovrà essere fatta con il pieno coinvolgimento degli studenti, perché abbiamo bisogno di un diritto allo studio che riattivi veramente l’ascensore sociale rappresentato dall’istruzione superiore, senza cadere per l’ennesima volta in un rimpallo di responsabilità tra Stato e Regioni”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 17 febbraio

Next Article

Catania, numero chiuso abolito a Psicologia

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.