La Rassegna stampa di lunedì 27 aprile

Scuola, Università e Ricerca: ecco le principali notizie sui quotidiani italiani di oggi. Partiamo dalla riforma della scuola, che è al centro di un dibattito di fuoco tra insegnanti e governo. Lo scorso venerdì il ministro Giannini è stato costretto a lasciare la festa dell’Unità di Bologna, causa le proteste da parte dei manifestanti presenti.
La Stampa parla di un doppio esame per la buona scuola: lo sciopero unitario e gli emendamenti in Parlamento.
Il Mattino ospita un’interessante riflessione sul merito all’interno del percorso scolastico: “Chi non vuole il merito vuole male alla scuola”.
Il Giornale di Brescia conferma che, con lo sciopero proclamato per il 5 maggio, i test INVALSI saranno rinviati.
Ma ancora: il caso preari in Europa, i numeri (brutti) di Garanzia Giovani a un anno dal lancio, il Gran Gala della Lirica a Roma aperto agli studenti.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 27 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borse di studio da 790 euro per studiare il francese a Parigi

Next Article

La risposta degli studenti a Giannini: "Il 5 maggio bloccheremo il Paese"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.