La risposta degli studenti a Giannini: "Il 5 maggio bloccheremo il Paese"

Gli studenti di Link Bologna hanno contestato la presenza della ministra dell’Istruzione Stefania Giannini, interrompendo il suo intervento alla Festa dell’Unità. Gli studenti hanno alzato cartelli in cui esponevano la propria contrarietà ai provvedimenti del governo e hanno volantinato tra i presenti per spiegare le proprie ragioni, prima di essere spintonati e allontanati.
“Abbiamo contestato l’intervento della Giannini – spiega Irene Ricciuti, portavoce di Link Bologna – perché riteniamo gravissimi i provvedimenti che il governo si appresta a varare su scuola e università. Nel Documento Economia e Finanza c’è scritto chiaro e tondo che la spesa per l’istruzione diminuirà ancora, che saranno tagliati 498 milioni per l’edilizia scolastica, che i finanziamenti alla scuola privata restano”. “Un altro nodo – prosegue Irene – riguarda la definitiva aziendalizzazione delle scuole, ridotte a trincea di profitto per le imprese che cercano manodopera precaria a bassissimo costo, se non gratuita. Il tema del rapporto formazione/lavoro è risolto a favore dell’impresa, nell’idealizzazione di un modello italiano dove mancano innovazione e ricerca, ma si chiedono basse qualifiche cui corrispondono bassi salari. La Buona Scuola è questo: subappaltare la formazione ai privati, che non formeranno cittadini critici ma un esercito di precari. Guardiamo con preoccupazione, ad esempio, al caso del lavoro gratuito o semi-gratuito per l’Expo di Milano, che potrà rappresentare un modello negativo per il futuro viste anche le dichiarazioni in questo senso di Poletti. Saremo a Milano il 30 aprile e il 1 maggio contro questa fiera della precarietà e del lavoro gratuito”.
“Anche sull’Università – dichiara Alessio Giorgianni, dell’esecutivo di Link – il governo continua sulla strada sbagliata della Gelmini: sottofinanziamento, competizione tra le università per spartirsi le briciole, rischio di collasso finanziario per gli atenei del Sud, la trappola dei prestiti d’onore che prevedono che lo Stato non si occuperà di finanziare welfare e borse di studio, ma che gli studenti dovranno indebitarsi come in America con assicurazioni e banche per ottenere i propri diritti. E’ francamente inaccettabile”.
Nella giornata di oggi, inoltre, gli studenti hanno fatto girare in video in cui rispondono direttamente al ministro Giannini, che li aveva chiamati “Squadristi”.

“Il 5 maggio chiudiamo le scuole e blocchiamo il Paese per lo sciopero generale – concludono gli studenti. La scuola e la democrazia sono #nellenostremani”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Rassegna stampa di lunedì 27 aprile

Next Article

I professori non ci stanno: "Per l'Università sta per arrivare il peggio"

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".